PAPA: DISOCCUPATI NON SONO NUMERI

image_pdfimage_print

Il lavoro, insieme a migrazioni, globalizzazione, ambiente, disinteresse, smarrimento dei giovani, solitudine degli anziani, sono le sfide drammatiche che Papa Francesco indica ai nuovi vescovi, nominati nel corso dell’ultimo anno. “In particolare – ha detto loro il Papa nel corso di un incontro in Vaticano –  il lavoro, di cui sono prive intere generazioni ridotte a statistiche”. Questo dei disoccupati, soprattutto giovani, trasformati in un numero per monitorare il fenomeno della mancanza di lavoro, è davvero un aspetto preoccupante.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

WEB, 47 MILA ASSUNZIONI

Le competenze digitali sono essenziali per oltre 47 mila assunzioni programmate dalle imprese. Ai giovani under 30, professionisti del digitale, si rivolgono due assunzioni su cinque. A quasi tre mesi

PORTANOVA ASSUME IN CALABRIA

La società Portanova Spa ha indetto 6 concorsi pubblici per assumere a tempo indeterminato (part-time) 23 candidati da inserire in vari settori. La società gestisce i servizi pubblici ed esternalizzati:

Corte di Cassazione : malattia e licenziamento

La Corte di Cassazione ha deliberato sulla legittimità del licenziamento nel caso in cui il dipendente in malattia svolga attività che possono ostacolare la sua guarigione. Il periodo coperto dall’indennità

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento