INCENTIVI ASSUNZIONI

image_pdfimage_print

Il provvedimento del Governo sugli incentivi alle assunzioni a tempo indeterminato dovrebbe essere stabilizzato e reso permanente e definitivo, perché altrimenti non ha molto senso. Ne è convinto il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi il quale auspica che diventi uno strumento su cui le imprese possano contare per sempre. Ma l’idea del Governo sembra essere diversa: limitarlo al Sud e, in ogni caso, solo alle aziende che aumentano, in questo modo, il numero dei dipendenti.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

DISOCCUPAZIONE PRIMA CAUSA DISAGIO

È il lavoro, e in particolare la disoccupazione, la prima causa di disagio tra le famiglie in Italia: è quanto emerge da una ricerca condotta in sette grandi città sui

BOOM AGENZIE DEL LAVORO

Buone performance delle agenzie per il lavoro.  338 mila rapporti attivati ogni mese, una rilevante parte dei quali riguarda contratti a tempo indeterminato, oltre 22mila fino ad agosto. E’ quanto

INDUSTRIA: DATI ISTAT

La produzione industriale a luglio cresce dello 0,4% rispetto a giugno con variazioni positive in tutti i principali raggruppamenti di industrie. E’ quanto risulta dai dati dell’Istat. Si tratta del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento