DRAGHI SU LAVORO

image_pdfimage_print

Il mandato della BCE è mantenere la stabilità dei prezzi, ma non ignorando la crescita e il mercato del lavoro. Lo sostiene il presidente Mario Draghi, secondo il quale sono emersi di recente nuovi rischi al ribasso per le prospettive di sviluppo. Siamo, cioè, di fronte a una ancor debole ripresa economica e a un aumento più lento dei tassi di inflazione rispetto alle aspettative. In Europa, come negli Stati Uniti, occhi puntati sugli indicatori economici, perchè l’uscita dal tunnel della crisi appare più ardua e più lenta delle previsioni.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Bce: dinamismo e occupazione dal Jobs Act

Nel bollettino mensile della Bce si analizzano gli effetti del Jobs Act: “La riforma del mercato del lavoro introdotta in Italia nel 2015 ha altresì contribuito al rinnovato dinamismo dell’occupazione

FOODORA: POSSIBILITÀ DI ASSUNZIONI E STAGE

Foodora, oltre che in Canada e Australia, è presente anche in Italia a Torino e Milano. Attualmente le figure ricercate sono Milano_Driver_Facebook, Operations Intern Torino, Promoter by bike, Junior Sales

RIFORMA DIRIGENZA PUBBLICA: APPROVATI 4 DECRETI

Il Consiglio dei ministri ha approvato 4 decreti sulla della riforma della pa in via preliminare tra questi quello “sulla dirigenza pubblica, sugli enti di ricerca e sul comitato paralimpico”.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento