LOTTA AL SOMMERSO

Gli ispettori del lavoro hanno uno strumento in più per contrastare il caporalato e svolgere attività di vigilanza su specifici settori produttivi. Come spiega il ministero del Lavoro, che annuncia la firma di un protocollo con l’Aci grazie al quale sarà consentito agli ispettori di accedere con immediatezza alle informazioni contenute nel P.R.A. Gli ispettori del lavoro potranno così verificare, in tempo reale, la titolarità degli autoveicoli. Si tratta di un’azione particolarmente utile nella vigilanza in settori quali l’agricoltura, l’edilizia, l’autotrasporto, i servizi di logistica. Finalmente si comincia a fare sul serio contro il lavoro nero.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Emanuele Imperiali

A cura di : Emanuele Imperiali

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)