LOTTA AL SOMMERSO

image_pdfimage_print

Gli ispettori del lavoro hanno uno strumento in più per contrastare il caporalato e svolgere attività di vigilanza su specifici settori produttivi. Come spiega il ministero del Lavoro, che annuncia la firma di un protocollo con l’Aci grazie al quale sarà consentito agli ispettori di accedere con immediatezza alle informazioni contenute nel P.R.A. Gli ispettori del lavoro potranno così verificare, in tempo reale, la titolarità degli autoveicoli. Si tratta di un’azione particolarmente utile nella vigilanza in settori quali l’agricoltura, l’edilizia, l’autotrasporto, i servizi di logistica. Finalmente si comincia a fare sul serio contro il lavoro nero.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, TASSE STABILI NEL 2016

Il peso del fisco sulle pmi nel 2016 resta stabile al 61%; per pagare le tasse le piccole e medie imprese dovranno lavorare fino al 13 agosto. Ma festeggiare il

PREPENSIONABILI? 2 MILIONI

Gli occupati tra i 58 e i 63 anni, la platea dei potenziali destinatari delle misure di flessibilità in uscita dal lavoro, sono quasi due milioni, due terzi dei quali

CAMUSSO, FIDUCIA SI MA SERVE LAVORO

“Se non riparte l’occupazione possiamo bearci ogni giorno degli indici di fiducia ma poi questi vengono smentiti dalla condizione concreta delle persone”. E la legge di Stabilità non fa quel

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento