RENZI SU ISTAT

image_pdfimage_print

“L’Istat ci ha offerto dati particolarmente significativi: 44.000 mila occupati in più, e 143.000 disoccupati in meno. Per chi è abituato a pensare solo alle cifre, alle statistiche e ai numeri, questi sono solo numerini. In realtà è molto di più: sono donne che finalmente hanno trovato un’occupazione, sono cinquantenni che tornano ad avere una chanches grazie al Jobs act. È L’idea che il Paese si rimette in moto”. Lo sostiene il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in un video messaggio. Ma il premier non si esprime sull’aumento del divario dell’occupazione tra Centro-Nord e Sud.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

APE: boom di domande, la metà rischia di rimanere fuori

Il successo dell’ APE, l’anticipo della pensione, rischia di diventare un’illusione per la metà dei richiedenti. Il governo si aspettava circa 60 mila domande di anticipo pensionistico ma le domande

INTEGRATIVO IKEA

Il risultato del referendum dei lavoratori di Ikea, che ha visto il 73% dei votanti dire sì all’accordo, porta alla sottoscrizione con il sindacato di un nuovo contratto integrativo aziendale

Le 8 cose da sapere sui nuovi voucher

Da oggi sono in vigore i cosiddetti nuovi voucher, ne da comunicazione l’istituto di previdenza sociale. Ecco cosa c’è da sapere: Quando Da oggi 10 Luglio 2017 l’Inps dà comunicazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento