RENZI SU ISTAT

image_pdfimage_print

“L’Istat ci ha offerto dati particolarmente significativi: 44.000 mila occupati in più, e 143.000 disoccupati in meno. Per chi è abituato a pensare solo alle cifre, alle statistiche e ai numeri, questi sono solo numerini. In realtà è molto di più: sono donne che finalmente hanno trovato un’occupazione, sono cinquantenni che tornano ad avere una chanches grazie al Jobs act. È L’idea che il Paese si rimette in moto”. Lo sostiene il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in un video messaggio. Ma il premier non si esprime sull’aumento del divario dell’occupazione tra Centro-Nord e Sud.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONFCOMMERCIO SU INDICE DISAGIO SOCIALE

Il Misery Index Confcommercio di marzo 2016 si è attestato su un valore stimato di 18,3 punti, in discesa di sei decimi di punto rispetto a febbraio. Il deciso ridimensionamento,

11 MILA DISOCCUPATI IN MENO

I disoccupati alla fine del mese scorso erano diminuiti di 11 mila unità, pari allo 0,4%. Il tasso di disoccupazione è calato lievemente a fine agosto, attestandosi all’11,9%. Lo comunica

APPLE: 200 ASSUNZIONI A MILANO

Apple Inc., azienda statunitense che produce sistemi operativi, computer e dispositivi multimediali ha presentato il progetto per un nuovo megastore in cui saranno richiesti 200 addetti. La multinazionale vuole realizzare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento