Svolta nella previdenza complementare: serve meno prudenza

Svolta nella previdenza complementare: serve meno prudenza
image_pdfimage_print

 

di Giuliano Cazzola e Santo Versace 

C’è una novità positiva nel campo della previdenza complementare.
È stato varato il decreto ministeriale sul credito di imposta che, come previsto dalla legge di stabilità 2015, consente la riduzione fino a nove punti (dal 20% all’11%) dell’aliquota sui rendimenti, nel caso di investimenti virtuosi a favore dell’economia reale (il bonus è di sei punti – dal 26% al 20% – per le Casse dei libero professionisti).
Il provvedimento, orientando le risorse delle forme complementari (e delle Casse) a sostegno degli investimenti produttivi, potrebbe determinare una riduzione del danno prodotto dal nuovo regime fiscale sui rendimenti, contenuto nella legge di stabilità, del tutto in controtendenza rispetto agli schemi di tassazione diffusi in Europa… continua…

Continua la lettura su miowelfare.it

Sull' autore

In collaborazione con Miowelfare.it
In collaborazione con Miowelfare.it 40 posts

In collaborazione con http://miowalfare.it La tua porta di accesso all’insieme di prestazioni, servizi e opportunità assicurati e offerti dal sistema italiano di welfare, sia quello di base che quello integrativo: contrattuale, aziendale, individuale.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Previdenza : Fornero si pente, ma sbaglia

  di Giuliano Cazzola  Elsa Fornero si è pentita o si è arresa? Si è convinta delle ragioni di chi critica la riforma delle pensioni del 2011 perché troppo rigida

REI: in Italia aiuto per 900 mila poveri, 7 su 10 risiedono al Sud

Presentati i dati dell’Osservatorio statistico sul Reddito d’inclusione ( REI ) da Inps e Ministero del Lavoro. Le persone che hanno beneficiato dello strumento di lotta alla povertà sono circa

Consulta: congedo straordinario per l’assistenza al genitore anche al figlio non convivente

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 232 depositata il 7 dicembre 2018, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 42, comma 5, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, là dove non prevedeva

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento