Licenziamento disciplinare per sviamento di clientela

image_pdfimage_print

La Corte di Appello di Genova, con sentenza n. 66 del 25 febbraio 2015, ha affermato che ricorrono gli estremi del licenziamento disciplinare nell’ipotesi in cui, venendo meno al principio di fedeltà, un dipendente consigli un cliente di rivolgersi ad altro fornitore: la legittimità del licenziamento sussiste pur se il cliente non ha seguito il consiglio.

 

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 305 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Corte di Giustizia UE: necessario il DURC per partecipare a gare d'appalti

Con sentenza relativa alla causa C-199/15 depositata il 10 novembre 2016, la Corte Europea di Giustizia ha affermato che è compatibile con la normativa comunitaria (art. 45 della direttiva 2004/18/CE)

INPS: Osservatorio sul precariato – gennaio-ottobre 2017

L’Inps ha pubblicato l’Osservatorio sul precariato con il report mensile gennaio-ottobre 2017. LA CONSISTENZA DEI RAPPORTI DI LAVORO Nei primi dieci mesi del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra assunzioni

Governo: prorogato l’invio del Modello 770/2014 al 19 settembre ** UFFICIALE**

Novità ufficiali dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. E’ stato rilasciato infatti un comunicato stampa in cui si dichiara che il ministro del Mef Padoan ha firmato un DCPM in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento