Licenziamento disciplinare per sviamento di clientela

image_pdfimage_print

La Corte di Appello di Genova, con sentenza n. 66 del 25 febbraio 2015, ha affermato che ricorrono gli estremi del licenziamento disciplinare nell’ipotesi in cui, venendo meno al principio di fedeltà, un dipendente consigli un cliente di rivolgersi ad altro fornitore: la legittimità del licenziamento sussiste pur se il cliente non ha seguito il consiglio.

 

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 287 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Prestazioni eccedenti rispetto a quelle richiede dal datore, nessun danno da superlavoro [cassazione]

Con sentenza n. 17438 del 2 settembre 2015, la Corte di Cassazione ha stabilito che non ha diritto ad alcun ristoro del danno da superlavoro il dipendente che, autonomamente e senza

Licenziamento del lavoratore per mancato superamento del periodo di prova

Con la sentenza n. 8237 del 22 aprile 2015, la Corte di Cassazione ha affermato l’illegittimità del licenziamento motivato dal mancato superamento del periodo di prova, qualora il lavoratore abbia svolto già in

Licenziamento lavoratrice madre: arriva la sentenza della Cassazione

Con la sentenza 475/16, depositata ieri, la Cassazione si pronuncia sul regime sanzionatorio applicabile prima della Riforma Fornero (legge 92/2012) al licenziamento intimato alla lavoratrice madre durante il periodo tra

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento