Come ti aggiro la Fornero : le sorprese dei dati Inps

Come ti aggiro la  Fornero  : le sorprese dei dati Inps
image_pdfimage_print

A volerlo leggere con un pizzico di onestà intellettuale, viene una sonora smentita di  parecchi luoghi comuni (che distorcono il dibattito sulla previdenza) dal Monitoraggio Inps, dello scorso 2 luglio, dei flussi di pensionamento (lavoratori dipendenti, autonomi, parasubordinati, assegni e pensioni sociali) riferiti alle pensioni decorrenti nel 2014 e nei primi due trimestri del 2015.

Non è vero, innanzi tutto, che gli italiani siano costretti ad arrivare ad un’età veneranda per poter godere la meritata pensione. Questo assunto pretestuoso è smentito dai dati statistici. Infatti, sia nel corso di tutto il 2014, sia nel primo semestre di quest’anno, il numero dei trattamenti di anzianità/anticipati (con requisiti anagrafici più bassi) risulta superiore di quello delle pensioni di vecchiaia (rispettivamente, nel complesso delle gestioni considerate, poco meno di 57mila contro 43mila nel 2014 e circa 48mila a fronte di 18mila nel periodo considerato del 2015). La circostanza è confermata anche dal trend dell’età effettiva del pensionamento nelle diverse tipologie. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti… continua »»

Continua la lettura miowelfare.it

Sull' autore

In collaborazione con Miowelfare.it
In collaborazione con Miowelfare.it 40 posts

In collaborazione con http://miowalfare.it La tua porta di accesso all’insieme di prestazioni, servizi e opportunità assicurati e offerti dal sistema italiano di welfare, sia quello di base che quello integrativo: contrattuale, aziendale, individuale.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Le pensioni sono minate dal Pil

di Giuliano Cazzola La recessione ha riproposto il tema della previdenza sotto diversi aspetti. Innanzi tutto, quello (sempre immanente nella realtà italiana ed europea) della sostenibilità dei sistemi pensionistici nell’ambito

Congedo padre: proroga e ampliamento per il 2019

L’INPS ha emanato il messaggio n. 591 del 13 febbraio 2019, con il quale informa che la durata del congedo obbligatorio è aumentata, per l’anno 2019, a 5 giorni da fruire, anche in via non

Consigli sulle pensioni per evitare lotte inutili tra poveri e ceto medio

La proposta “pensionistica” di Tito Boeri rilancia alla grande il tema visto che il governo, questa volta, scopre la saggezza della prudenza. Il simpatico e autorevole economista che presiede oggi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento