Come ti aggiro la Fornero : le sorprese dei dati Inps

Come ti aggiro la  Fornero  : le sorprese dei dati Inps
image_pdfimage_print

A volerlo leggere con un pizzico di onestà intellettuale, viene una sonora smentita di  parecchi luoghi comuni (che distorcono il dibattito sulla previdenza) dal Monitoraggio Inps, dello scorso 2 luglio, dei flussi di pensionamento (lavoratori dipendenti, autonomi, parasubordinati, assegni e pensioni sociali) riferiti alle pensioni decorrenti nel 2014 e nei primi due trimestri del 2015.

Non è vero, innanzi tutto, che gli italiani siano costretti ad arrivare ad un’età veneranda per poter godere la meritata pensione. Questo assunto pretestuoso è smentito dai dati statistici. Infatti, sia nel corso di tutto il 2014, sia nel primo semestre di quest’anno, il numero dei trattamenti di anzianità/anticipati (con requisiti anagrafici più bassi) risulta superiore di quello delle pensioni di vecchiaia (rispettivamente, nel complesso delle gestioni considerate, poco meno di 57mila contro 43mila nel 2014 e circa 48mila a fronte di 18mila nel periodo considerato del 2015). La circostanza è confermata anche dal trend dell’età effettiva del pensionamento nelle diverse tipologie. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti… continua »»

Continua la lettura miowelfare.it

Sull' autore

In collaborazione con Miowelfare.it
In collaborazione con Miowelfare.it 40 posts

In collaborazione con http://miowalfare.it La tua porta di accesso all’insieme di prestazioni, servizi e opportunità assicurati e offerti dal sistema italiano di welfare, sia quello di base che quello integrativo: contrattuale, aziendale, individuale.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Congedo paternità Inps: tutte le novità del Bonus papà 2018

Cresce sempre di più per i neo-papà il ricorso al congedo parentale, come anche il Bonus papà, secondo i dati emessi dall’Inps. Nel 2016 il congedo obbligatorio ha fatto registrare

Lo smart working fa bene all’impresa e all’economia

Anche in Italia si parla con sempre maggiore frequenza di welfare aziendale. Negli Stati Uniti, dove il welfare state (stato sociale) è molto limitato, il vuoto è tradizionalmente colmato dalle

Welfare aziendale : raddoppiato in tre anni e fa crescere la produttività

In tre anni il welfare aziendale raddoppia e i lavoratori sono più soddisfatti e, all’aumentare della soddisfazione dei dipendenti, cresce anche la produttività. Questo è l’assunto condiviso da oltre un

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento