Licenziamento per il lavoratore trovato a fumare [cassazione]

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 14481 del 10 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, comminato ad un lavoratore che non aveva rispettato il divieto di fumare in una zona dell’azienda con alta potenzialità di rischio incendio.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come la fondatezza del provvedimento espulsivo era legittimata dalle mansioni di caporeparto del lavoratore che avrebbe dovuto essere un esempio per gli altri colleghi, soprattutto in un luogo estremamente pericoloso dell’azienda.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Somministrazione : Bonus all’azienda solo se l’assunzione avviene sei mesi dopo il rapporto con l’agenzia [tabella agevolazioni]

L’esonero contributivo previsto dalla legge di stabilità 2015 spetta anche alle agenzie per il lavoro per i contratti di somministrazione, ma ci sono una serie di requisiti da rispettare. E,

Cassazione: reintegra del lavoratore e sanzioni civili per omessa contribuzione

La Cassazione, con sentenza n. 19665 del 18 settembre 2014, ha affermato che in caso di reintegra del lavoratore illegittimamente licenziato, il datore di lavoro, qualora il licenziamento sia dichiarato nullo od inefficace, è

INPS: Limiti utilizzo buoni di lavoro accessorio di cui al Dl. vo n.81/2015

Termine di utilizzabilità dei voucher acquistati prima del 17 marzo 2017 Come noto, il Decreto legge 17 marzo 2017, n. 25, recante “Disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento