Sono una lavoratrice che si è dimessa ma non ha provveduto a convalidare le dimissioni così come previsto dalla normativa. Le dimissioni sono comunque valide? Se ritengo di aver commesso un errore nel presentarle, posso revocarle?

image_pdfimage_print

L’efficacia delle dimissioni dipende sia dalla convalida attuata secondo quanto previsto dalla c.d. Riforma del Lavoro (direttamente sul modulo di dimissioni inviato al Centro per l’impiego, ovvero andando presso la Direzione territoriale del lavoro o presso il Centro per l’Impiego) che dalla procedura di “invito” effettuata dal datore di lavoro entro 30 giorni dalla presentazione della lettera di dimissioni. Se la procedura è stata eseguita correttamente dall’azienda, la lavoratrice ha solo 7 giorni per ritornare sui suoi passi e revocare le dimissioni, altrimenti queste diventano efficaci ed irrevocabili.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho alcuni lavoratori che vengono retribuiti in misura fissa mensile; devo registrare analiticamente le ore di lavoro nel LUL?

Il Ministero del Lavoro, nel Vademecum del 2008 sul Libro unico ( LUL ), ha precisato che i soggetti per i quali non si devono registrare analiticamente le ore di

Un familiare di tossico dipendente ha diritto all’aspettativa non retribuita?

L’art. 124 del DPR n. 309/1990 stabilisce che i lavoratori tossicodipendenti con contratto a tempo indeterminato ed i familiari di tossicodipendenti, possono godere di un’aspettativa non retribuita fino a 3

Quali sono gli adempimenti per applicare la detassazione?

L’agevolazione (detassazione) è possibile esclusivamente qualora, nel contratto aziendale, siano presenti i requisiti previsti dal DM 25 marzo 2016 (allegato). In particolare, il DM prevede l’applicazione della tassazione agevolata esclusivamente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento