Quali sono i presupposti per instaurare un tirocinio non curriculare in Veneto?

Quali sono i presupposti per instaurare un tirocinio non curriculare in Veneto?
image_pdfimage_print

In base a quanto previsto dal DGR 1324 del 23 luglio 2013, l’azienda, per instaurare un tirocinio in Veneto deve essere in regola con:

  • la normativa di cui al D.lgs. 81/08 (“Testo Unico in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro”),
  • la normativa di cui alla L. 68/99 (“Norme per il diritto al lavoro dei disabili”)
  • l’applicazione dei contratti e accordi collettivi di lavoro

Inoltre, non deve avere in corso sospensioni dal lavoro o procedure di licenziamento collettivo e, comunque, di non aver effettuato nei 12 mesi precedenti licenziamenti di lavoratori con mansioni equivalenti, fatti salvi quelli per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo.

Nelle Faq sui tirocini della Regione Veneto (http://www.regione.veneto.it/web/lavoro/faq-tirocini), al quesito 34, viene esplicitato che il limite previsto al punto 4 summenzionato, va interpretato così: il divieto deve intendersi all’interno dell’unità operativa in cui si intende avviare tirocini.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il contratto di un lavoratore in sostituzione è arrivato a 4 proroghe, una ulteriore proroga lo trasformerebbe in indeterminato?

La società ha assunto, a tempo determinato in sostituzione di un lavoratore in infortunio, un nuovo dipendente. Il lavoratore infortunato però ha tardato il rientro in azienda vista la gravità

Un’azienda bulgara, con cui abbiamo un appalto, ha mandato un documento tradotto in italiano per dimostrare l’equivalenza delle retribuzioni tra i lavoratori dei due Paesi. È valido?

Abbiamo un appalto con una azienda bulgara. Questa azienda, per dimostrare che i lavoratori che verranno in Italia a lavorare verranno retribuiti come i nostri lavoratori, hanno inviato un documento

Jobs Act: Ci sono problemi se stipulo un co-co-co con un soggetto per svolgere un corso a tutti dipendenti della durata di un anno?

Per quanto l’attività lavorativa del collaboratore (co-co-co) sia diversa rispetto a quella dell’azienda, per valutare la genuinità del contratto di collaborazione, tenga presente questi presupposti da evitare: Prestazione di lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento