fbpx

Licenziamento per il lavoratore che lavora durante la malattia [cassazione]

Con sentenza n. 13955 del 7 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha riaffermato la legittimità del licenziamento comminato al dipendente che durante il periodo di malattia svolge altri lavori manuali pesanti pregiudicanti la sua guarigione.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come tale comportamento vìoli i principi di correttezza e buona fede che devono presiedere all’esecuzione del contratto. Nel caso specifico, è mancato nel rapporto di lavoro, da parte del lavoratore, una condotta tale da poter essere considerata ligia e congrua durante il periodo di malattia, e che avesse come obiettivo la guarigione e la ripresa della prestazione lavorativa.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento per il lavoratore trovato a fumare [cassazione]

Con sentenza n. 14481 del 10 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, comminato ad un lavoratore che non aveva rispettato il

INPS: modalità di presentazione della Cassa integrazione “con fatturato”

L’INPS, con il messaggio n. 3525 del 1° ottobre 2020, fornisce le istruzioni operative per l’invio della specifica domanda di Cassa integrazione ordinaria (CIGO), Cassa integrazione in deroga (CIGD) e assegno

Giustificazioni orali del dipendente [Cassazione]

Con sentenza n. 11895/2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nell’iter procedimentale previsto dall’art. 7 della legge n. 300/1970 ed entro il termine di cinque giorni, il datore di lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.