Rappresento un’azienda. Ho sentito parlare dell’ASSE.CO, quale asseverazione alla regolarità del datore di lavoro. Mi può dire di cosa si tratta?

Rappresento un’azienda. Ho sentito parlare dell’ASSE.CO, quale asseverazione alla regolarità del datore di lavoro. Mi può dire di cosa si tratta?

Lo scorso anno il Ministero del Lavoro ed il Consiglio Nazione dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro hanno firmato un protocollo d’intesa per l’istituzione dell’ ASSE.CO .

Si tratta di una autodichiarazione, avallata da un Consulente abilitato, circa la mancanza di illeciti amministrativi (in materia di lavoro minorile, lavoro nero, tempi di lavoro e sicurezza sul lavoro) e la sussistenza dei requisiti per il rilascio del DURC, oltre al rispetto della contrattazione collettiva.

A fronte del rilascio dell’ ASSE.CO , la DTL non può effettuare visite ispettive presso l’azienda se non in caso di denuncia, indagine da parte dell’autorità giudiziaria o per controlli a campione sulla veridicità delle dichiarazioni presentate con l’ ASSE.CO .

In pratica si tratta di un riconoscimento della regolarità dei comportamenti del datore di lavoro in materia di lavoro e legislazione sociale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 623 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nei contratti a tempo determinato è obbligatorio inserire l’informazione sul diritto di precedenza?

Il diritto di precedenza deve essere espressamente richiamato nell’atto scritto ove viene identificato il termine del rapporto di lavoro. Ciò è previsto obbligatoriamente dall’articolo 24, comma 4, del decreto legislativo

È possibile denunciare un’azienda per il recesso dopo il periodo di prova durato solo un giorno, oltretutto dopo aver svolto un compito che non mi spettava?

Buongiorno, chiedevo se era possibile denunciare all’ispettorato una azienda, la quale mi ha assunto presso di loro come addetto carrellista e magazziniere, però la mia prima e unica giornata di

Una dipendente chiede di essere licenziata per ottenere la NASpI, la stessa lascia senza le dimissioni online per indurre il licenziamento. È possibile comunicare dimissioni per fatti concludenti, come da sentenza Cass. 12549/2003?

Più precisamente: Una lavoratrice, unica dipendente di un negozio, esprime la volontà di cessare il rapporto di lavoro per trasferirsi con la famiglia in un’altra Regione. Chiede al datore di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento