Rappresento un’azienda. Ho sentito parlare dell’ASSE.CO, quale asseverazione alla regolarità del datore di lavoro. Mi può dire di cosa si tratta?

Rappresento un’azienda. Ho sentito parlare dell’ASSE.CO, quale asseverazione alla regolarità del datore di lavoro. Mi può dire di cosa si tratta?

Lo scorso anno il Ministero del Lavoro ed il Consiglio Nazione dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro hanno firmato un protocollo d’intesa per l’istituzione dell’ ASSE.CO .

Si tratta di una autodichiarazione, avallata da un Consulente abilitato, circa la mancanza di illeciti amministrativi (in materia di lavoro minorile, lavoro nero, tempi di lavoro e sicurezza sul lavoro) e la sussistenza dei requisiti per il rilascio del DURC, oltre al rispetto della contrattazione collettiva.

A fronte del rilascio dell’ ASSE.CO , la DTL non può effettuare visite ispettive presso l’azienda se non in caso di denuncia, indagine da parte dell’autorità giudiziaria o per controlli a campione sulla veridicità delle dichiarazioni presentate con l’ ASSE.CO .

In pratica si tratta di un riconoscimento della regolarità dei comportamenti del datore di lavoro in materia di lavoro e legislazione sociale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 580 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sono un consulente del lavoro. Vorrei sapere se è attiva la procedura di dimissioni on-line prevista dal correttivo al Jobs Act.

No. I consulenti del lavoro saranno soggetti abilitati, alla stregua dei sindacati e dei patronati, per l’invio delle dimissioni on-line, dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del c.d.

È possibile che la norma sulle nuove prestazioni occasionali abbia escluso le aziende sopra i 5 dipendenti? Non ci sono alternative?

Sì, è proprio così. Le imprese possono utilizzare lavoratori occasionali esclusivamente qualora abbiano alle proprie dipendenze al massimo 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato (da questo parametro sono escluse le

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento