Damiano: «Mettiamo alla prova il Jobs Act, pronti a correggere quello che non dovesse funzionare»

Cesare Damiano

Cesare Damiano

Intervista, in esclusiva per generazionevincente.it, a Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro, Presidente della Commissione Lavoro di Montecitorio.

Il Jobs Act è un percorso di riforma ormai quasi completato, almeno per quel che riguarda gli aspetti legislativi. Possiamo tirare le somme con i principali protagonisti e analisti della lunga stagione di modernizzazione del mercato e delle regole del lavoro che, almeno per questa fase, si sta concludendo in queste settimane. Cominciamo con Cesare Damiano, ex ministro del Lavoro, oggi presidente della Commissione Lavoro di Montecitorio, una vita nel sindacato e sulla frontiera dell’occupazione.

Presidente Damiano, qual è il primo bilancio complessivo che si può fare ora che siamo vicini al traguardo dell’attuazione del Jobs Act?

«Ora che il cammino del Jobs Act è quasi completamente avviato, penso che sia utile un approccio laico da parte di tutti, di chi lo ha sostenuto e di chi lo ha avversato. Se qualcosa non funziona, se si verificano comportamenti opportunistici di aziende che licenziano per assumere a condizioni più vantaggiose altri lavoratori, fatte le dovute verifiche, il Governo non abbia remore  a correggere. Chi si è opposto, senza rinunziare al suo giudizio, è bene che si adoperi per utilizzare al meglio le novità, avendo sempre come metro di giudizio la difesa del lavoro e dell’impresa e la crescita dell’occupazione».

Utilizzando proprio il suo approccio, laico, quale è il giudizio complessivo dell’intera operazione riformatrice?

«Il bilancio è a luci e ombre.  Il Governo ha fatto la scelta di spostare le tutele dal posto di lavoro al mercato dl lavoro. Occorre che naturalmente le tutele nel mercato non diminuiscano, come ancora si verifica per la durata dell’indennità di disoccupazione. Il Governo, per esempio, si è impegnato a correggere questo aspetto».

Scendendo a un livello di maggiore dettaglio, quali sono i cambiamenti, nei diversi ambiti della riforma, che considera più innovativi?

«Va bene la semplificazione delle forme contrattuali con l’eliminazione delle forme più precarizzanti. Rimane tuttavia una sovrapposizione tra il lavoro a chiamata e i voucher: uno dei due si poteva (si potrebbe) eliminare. Va bene l’incentivo alle assunzioni a tempo indeterminato, ma non può valere solo per il 2015».

Quali sono, invece, i limiti o gli elementi negativi dell’operazione?

«Io avrei mantenuto la tutela dell’articolo 18 dopo un congruo periodo di prova. Un altro errore del Governo è stato di aver esteso la disciplina dei licenziamenti individuali anche ai licenziamenti collettivi, che seguono le procedure della legge 223/1991. Poco rassicurante è la soluzione sui controlli a distanza, dove mi pare utile affidare la materia al confronto tra le parti sociali».

Vi sono capitoli, come quelli sulle politiche attive (ma non solo), che richiedono un’intensa attività anche nella fase attuativa: quali ritiene possano essere i fattori sui quali puntare e quali gli ostacoli?

«La grande sfida è realizzare il raccordo funzionale tra politiche attive e passive, che sarà l’obiettivo principale dell’ANPAL, la nuova Agenzia per le Politiche attive del lavoro. Si tratterà di mettere insieme e armonizzare l’attività finora svolta dalla Direzione generale del Ministero, da Italia Lavoro, da ISFOL, dai centri per l’impiego. Occorre evitare che con la nuova Agenzia vadano trascurate professionalità collaudate nel campo delle politiche attive, come quelle di Italia Lavoro. Così come occorre prestare attenzione agli operatori dei centri per l’impiego in questa fase di sostanziale svuotamento delle Amministrazioni provinciali».

Oltre al contratto a tutele crescenti, questi mesi sono stati caratterizzati anche dal bonus per le assunzioni a tempo indeterminato: quale dei due strumenti ha inciso maggiormente nel favorire quantomeno la trasformazione dei contratti a termine in contratti stabili? Quale è la sua valutazione sui numeri del lavoro di questi primi mesi?

«In questa fase certamente ha pesato di più il bonus per le assunzioni a tempo indeterminato. Indubbiamente il combinato dei due strumenti agevola la crescita delle assunzioni. Tuttavia solo in autunno potremo trarre qualche conclusione più attendibile sull’efficacia dei due strumenti e di ciascuno dei due».

Il bonus non rischia di provocare un boomerang quando, alla fine dei tre anni, scadrà?

«Effettivamente si corre il rischio di una fiammata occupazionale seguita da una gelata. Sostengo da tempo che occorre rendere strutturale la riduzione del costo del lavoro. Qualche accenno da parte di membri del Governo mi fa sperare che questa idea cominci a farsi strada».

Oltre il Jobs Act che cosa c’è? La modernizzazione del diritto e del mercato del lavoro, almeno in termini normativi, è compiuta o la lunga stagione delle riforme richiederà ulteriori interventi?

«La crescita dell’occupazione non avviene cambiando le regole del mercato del lavoro, se non in misura limitata. C’è bisogno ora di un rilancio degli investimenti pubblici e privati nei settori innovativi. Riguardo le riforme, un settore dove intervenire è senz’altro quello della previdenza, dove va introdotta la cosiddetta flessibilità in uscita».

In questo quadro, rappresentanza, partecipazione e qualche forma di reddito di cittadinanza possono essere considerate le prossime tappe? In che termini andrebbero o andranno affrontati questi dossier?

«Sono favorevole al tema della rappresentanza e rappresentatività sindacale, che avrebbe bisogno tuttavia di una spinta sindacale unitaria, che al momento non c’è. Sono altresì favorevole al tema della partecipazione dei lavoratori secondo il sistema duale che in Germania ha dato buona prova. Anche qui però manca un convinto e unitario sostegno da parte sindacale e, specialmente, datoriale. Parlerei di Reddito minimo piuttosto che di cittadinanza, che dovrebbe essere aperto anche a chi non ne ha bisogno. Il Reddito minimo oggi appare una misura di coesione sociale in presenza di una crisi prolungata che ha accresciuto il numero dei poveri negli ultimi anni. Il Reddito minimo dovrebbe aggiungersi a politiche per la casa, per garantire l’obbligo scolastico ai minori in difficoltà, per una rete adeguata di servizi sociali».

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Angelo Raffaele Marmo

A cura di : Angelo Raffaele Marmo

Angelo Raffaele Marmo è giornalista, scrittore, esperto di welfare. Laureato con lode in Scienze Politiche alla Luiss di Roma, ha lavorato come giornalista economico alla redazione romana de Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno. Dal 2001 al 2008 è stato il capo della redazione romana dei tre giornali. Dal 2008 al 2011 è stato capo ufficio stampa e portavoce del Ministro del Lavoro. Dal 2010 al 2013 è stato Direttore generale della comunicazione in materia di lavoro del Ministero del Welfare. Attualmente è Direttore della comunicazione e relazioni istituzionali della Fondazione Enasarco. Cura il canale «Le nostre pensioni» per il portale www.quotidiano.net Scrive di economia e politica per il Quotidiano nazionale. E’ direttore editoriale della rivista dell’Inas-Cisl «Nuove tutele». Ha fondato con altri soci la start up www.miowelfare.it, di cui è Presidente. Ha scritto: Lavorare in affitto (Franco Angeli, 1999); Lavoro interinale, Guida al contratto (Edizioni Lavoro, 2003); Anni flessibili (Edizioni lavoro, 2008); Le nuove pensioni (Oscar Mondadori, 2012).

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)