La legge n. 147/2013 , prevede all’art. 1, comma 135, la restituzione di tutto il contributo addizionale dell’1,40% nel caso in cui il rapporto a termine venga trasformato a tempo indeterminato e, aggiunge, la circolare INPS n. 15/2014, nel caso in cui una nuova assunzione a tempo indeterminato avvenga entro sei mesi dalla prima cessazione, con riduzione della restituzione relativa ai mesi di stacco tra un contratto e l’altro. Può questo secondo rapporto essere costituito con un contratto di apprendistato?

La risposta è negativa in quanto, pur essendo il contratto di apprendistato un contratto a tempo indeterminato, ha una propria tipologia particolare ed inoltre, la restituzione del contributo addizionale dell’1,40% si riferisce alla trasformazione  di quello specifico contratto a tempo determinato che si è sviluppato in precedenza

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di distacco, chi gestisce i lavoratori distaccati? Il datore di lavoro o l’azienda utilizzatrice?

Nel distacco, il potere direttivo passa all’azienda distaccataria/utilizzatrice. Il 2° comma dell’art. 30 del DLvo 276/2003 stabilisce che “In caso di distacco il datore di lavoro rimane responsabile del trattamento

In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di

Per licenziare un lavoratore che ha raggiunto l'età pensionabile di vecchiaia, l'azienda deve attendere il raggiungimento dei 70 anni?

L’azienda può risolvere il rapporto di lavoro con un licenziamento “ad nutum” al raggiungimento dei requisiti pensionistici di vecchiaia del lavoratore (2016: 66 anni e 7 mesi). Il datore di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento