La legge n. 147/2013 , prevede all’art. 1, comma 135, la restituzione di tutto il contributo addizionale dell’1,40% nel caso in cui il rapporto a termine venga trasformato a tempo indeterminato e, aggiunge, la circolare INPS n. 15/2014, nel caso in cui una nuova assunzione a tempo indeterminato avvenga entro sei mesi dalla prima cessazione, con riduzione della restituzione relativa ai mesi di stacco tra un contratto e l’altro. Può questo secondo rapporto essere costituito con un contratto di apprendistato?

image_pdfimage_print

La risposta è negativa in quanto, pur essendo il contratto di apprendistato un contratto a tempo indeterminato, ha una propria tipologia particolare ed inoltre, la restituzione del contributo addizionale dell’1,40% si riferisce alla trasformazione  di quello specifico contratto a tempo determinato che si è sviluppato in precedenza

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se erogo l’indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane tale?

  Se erogo l’ indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane ed il resto viene considerato retribuzione e come tale tassato e contribuito? Oppure

Se una mia dipendente richiede all’inps i voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting, devo concedere il congedo parentale?

No. L’art. 4, comma 24, lett. b) del DLvo 92/2012 prevede la possibilità di concedere alla madre lavoratrice, al termine del periodo di congedo di maternità, per gli 11 mesi

E’ possibile limitare o annullare l’intervallo che la legge prevede in caso di rinnovo di contratti a termine, con un accordo sindacale di secondo livello ?

Sì, l’articolo 5, comma 3, del D.L. vo 368/2001, stabilisce che le regole relative al c.d. “stop & go” non valgono qualora siano previste ipotesi individuate dai contratti collettivi, anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento