Nel contratto di appalto endoaziendale, sono obbligato a chiedere all’appaltatore di verifica della regolarità dei rapporti di lavoro dei lavoratori che vengono presso la mia azienda (committente) ?

Nel contratto di appalto endoaziendale, sono obbligato a chiedere all’appaltatore di verifica della regolarità dei rapporti di lavoro dei lavoratori che vengono presso la mia azienda (committente) ?
image_pdfimage_print

Più che di un obbligo, si tratta di “scongiurare” una regola normativa che prevede il riconoscimento del rapporto di lavoro in capo al committente qualora il lavoratore dell’appaltatore venga trovato senza regolare rapporto di lavoro. Inoltre, l’art. 29 del d.l.vo 276/2003 disciplina una responsabilità in solido tra l’appaltatore ed il committente per quanto attiene agli aspetti retributivi, contributivi e fiscali, che indirettamente potrebbero non essere rispettati dal momento che il rapporto con l’appaltatore è “in nero”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 451 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per assumere un lavoratore americano specializzato, quali sono i requisiti previsti dalla normativa per bypassare i flussi annuali?

Vengono considerati altamente qualificati (Carta blu Ue – art. 27 quater) gli stranieri che sono in possesso: di un titolo di istruzione superiore rilasciato dall’autorità competente nel Paese dove è

Il contratto collettivo può rivedere il numero massimo di apprendisti che una azienda può assumere?

No. La norma (art. 42, comma 7, del D.L.vo 81/2015) non delega alla contrattazione collettiva la disciplina sul numero massimo di apprendisti presenti, contemporaneamente, all’interno dell’azienda. Questo limite è una

Se pago un patto di non concorrenza durante il rapporto di lavoro, devo pagare anche i contributi?

Se eroga una somma mensile quale “ patto di non concorrenza ”, la somma viene considerata retribuzione e quindi rientra nella base imponibile contributiva, previdenziale e assicurativa. Viceversa, qualora l’erogazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento