Esistono delle regole dettate da CCNL o leggi o prassi in uso in merito alla pausa pranzo (durata, modalità, etc) per i dipendenti ?

Esistono delle regole dettate da CCNL o leggi o prassi in uso  in merito alla pausa pranzo (durata, modalità, etc) per i dipendenti ?
image_pdfimage_print

L’articolo 8 del D.L.vo n. 66/2003 C prescrive obbligatoriamente una pausa di almeno 10 minuti (o quanto stabilito dal Ccnl di riferimento) nel caso di superamento delle 6 ore di lavoro. Detto ciò, se il Ccnl di riferimento non prevede nulla in merito alla pausa, ritengo che l’azienda debba disciplinarla e prevedere uno “stacco” per il riposo psico-fisico del lavoratore al raggiungimento delle 6 ore di lavoro (o anche prima ma sempre se il rapporto supera le 6 ore). Le riporto uno stralcio dell’articolo 8: “in difetto di disciplina collettiva che preveda un intervallo a qualsivoglia titolo attribuito, al lavoratore deve essere concessa una pausa, anche sul posto di lavoro, tra l’inizio e la fine di ogni periodo giornaliero di lavoro, di durata non inferiore a dieci minuti e la cui collocazione deve tener conto delle esigenze tecniche del processo lavorativo.”

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di inserimento nel nostro CCAL di permessi retribuiti (non previsti nel CCNL), in che misura si può accedere alle agevolazioni del DM 12/9/2017 per la conciliazione vita-lavoro?

Prima di richiedere le agevolazioni previste dal DM 12 settembre 2017, l’azienda deve verificare i seguenti requisiti fondamentali previsti dalla norma: 1 –  Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti

Buongiorno, può darmi chiarimenti in merito al ” de minimis “?

L’Unione Europea ha previsto che per gli aiuti concessi ad una impresa vi debbano essere dei limiti. Ordinariamente le agevolazioni concesse ad una azienda ordinaria (” de minimis “), sommati

Se erogo l’indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane tale?

  Se erogo l’ indennità di trasferta oltre i limiti previsti dalla legge, la quota esente rimane ed il resto viene considerato retribuzione e come tale tassato e contribuito? Oppure

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento