Galassia English Certificate : splende se la irradia il MIUR (e si allinea al CEFR)

image_pdfimage_print

Da uno sguardo superficiale, si ha l’impressione di un grande disordine, ma un’osservazione più accurata permette di raggruppare i punti luminosi in semplici figure: le Certificazioni. Osserviamole meglio !

certificazione-inglese-Per avere un quadro chiaro delle proprie competenze linguistiche, la certificazione sta diventando un obbligo. Per completare gli studi universitari, per proporsi nel mercato del lavoro, per progredire nella propria carriera lavorativa, la certificazione è un fattore determinante. Riconosciuta a livello internazionale, attesta il livello di conoscenza di una lingua straniera; si consegue previo esame sostenuto presso Istituti culturali abilitati o presso una Scuola; documenta ufficialmente il livello di padronanza linguistica raggiunto dal candidato. Sia ben chiaro: per poterla ottenere, l’allievo viene valutato da uno o più esaminatori in rappresentanza di un Ente accreditato (examination board). Una scuola di lingue, pertanto, non è un ente certificatore! La sessione per il conseguimento della certificazione viene presieduta da un esaminatore esterno che non conoscendo il candidato, garantisce  oggettività ed imparzialità di giudizio.

Generalmente gli esami e i relativi certificati, si suddividono in gradi di competenza, dall’ elementare all’ avanzato,  conformemente ai livelli definiti nel Quadro Comune Europeo di riferimento per lingue.

Il sistema di classificazione delle competenze linguistiche, messo a punto dal Consiglio d’Europa, è uno strumento trasparente e condiviso, rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’insegnamento o apprendimento delle lingue straniere

Il Common European Framework of Reference for Languages (CEFR), o Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), definisce delle linee guida per descrivere le competenze linguistiche acquisite da chi studia le lingue straniere in Europa. L’obiettivo è di facile comprensione: fornire uno schema di valutazione univoco e condiviso, a beneficio della formazione e della mobilità occupazionale.

A seguito della risoluzione del Consiglio d’Europa del novembre 2001, in cui se ne raccomanda l’utilizzo, il Quadro è sempre più diffusamente accettato come parametro per valutare il livello di competenza linguistica individuale in Europa.

La scala globale di riferimento individua tre ampie fasce di competenza linguistica, suddivise a loro volta in due livelli, per un totale di sei livelli complessivi: elementare A1 / A2, intermedio B1 / B2, avanzato C1 / C2.

A ciascuno dei sei livelli corrispondono dei descrittori per le competenze linguistico-comunicative, per la comprensione nell’ascolto e nella lettura e per la produzione scritta e orale.

La conoscenza dei livelli previsti dal Quadro europeo di riferimento per le lingue, è utile nella scelta dei corsi e delle certificazioni più adatte alle proprie esigenze

Per la lingua inglese, in particolare, ci si imbatte in numerose certificazioni, ulteriormente suddivise a seconda del paese anglofono che le rilascia. Ci sono quelle generali e quelle relative ad un determinato ambito professionale; quelle propedeutiche a un percorso di studi e quelle indispensabili per svolgere attività lavorative, non necessariamente all’ estero.

Soffermiamoci, però, sulla Gran Bretagna:vanta enti certificatori specializzati nell’elaborazione e nell’amministrazione degli esami che riescono ad assicurare elevati standard qualitativi di valutazione.

Accreditati a livello internazionale, gli enti britannici operanti in Italia sono riconosciuti dal Dipartimento Del Ministero degli Interni del Regno Unito, UK Border Agency, che ha il compito di redigere e pubblicare una lista contenente le uniche certificazioni attestanti la conoscenza della lingua Inglese per i cittadini extra-UE che intendono migrare verso il Regno Unito; lo stesso Dipartimento, provvede, altresì, alla pubblicazione di quelle riconosciute dal Dipartimento Governativo non ministeriale OFQUAL, Office of Qualifications and Examinations Regulation che regola certificazioni, esami e test in Inghilterra e  certificazioni professionali in Irlanda del Nord.

Eccone il dettaglio:

La scelta delle certificazione, però rimane ancora avvolta in un alone di incertezza! Su quale costellazione puntare l’attenzione?

Non ci sono certificazioni che hanno maggiore validità rispetto ad altre. Non ne esiste una migliore e una peggiore, in quanto il MIUR riconoscendole, attribuisce a tutte lo stesso valore

Gli esami proposti da ciascun ente variano nelle modalità e nel prezzo, ma ciò che conta è che tutti sono allineati ai livelli del CEFR, per cui spazio alla facoltà di discernimento del singolo … nel decidere a quale organizzazione rivolgersi!

Normativa 2013Prot. n° 1200 del 28 gennaio 2013 – Miur

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche