fbpx

Per un’agricoltura più sicura, è online la piattaforma Filiera Legale

Il progetto nasce dal protocollo d’intesa tra BMTI, il Ministero dell’Interno, PON Legalità 2014-2020 e il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali

Per un’agricoltura più sicura, è online la piattaforma Filiera Legale

Tutelare il sistema produttivo agricolo e promuovere la legalità, mediante l’utilizzo di una piattaforma telematica di domanda ed offerta di lavoro a servizio degli operatori coinvolti nella filiera. È l’obiettivo principale di “Filiera Legale, per un’agricoltura più sicura”, il nuovo progetto di Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI), Ministero dell’Interno e Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che verrà sperimentato, in Italia, in provincia di Foggia in vista della campagna 2021 del pomodoro da industria ormai alle porte.

Le peculiarità del progetto Fi.Le.

Il progetto si sviluppa attraverso la creazione di una piattaforma telematica con il duplice scopo di fornire agli operatori della filiera uno strumento per il reclutamento legale di manodopera e la relativa logistica e di restituire alle forze dell’ordine informazioni per l’analisi e il controllo del territorio. In particolare, la prima funzione consente l’incontro legale e sicuro tra domanda e offerta di lavoro attraverso uno strumento semplice e trasparente e fornisce al lavoratore un servizio di trasporto fino al campo. La seconda funzione del progetto sviluppa, invece, un sistema di indagine del territorio per supportare le autorità coinvolte nel contrasto al caporalato nella rilevazione delle situazioni di rischio.

L’ambito di intervento del progetto è la filiera del pomodoro da industria nella Provincia di Foggia, zona rurale caratterizzata da criticità strutturali nelle dinamiche di incontro tra domanda e offerta di lavoro agricolo. Fi.Le. ha l’obiettivo di tutelare il sistema produttivo fornendo nuovi strumenti a supporto della filiera.

Queste le parole, in merito al progetto Filiera Legale, del Responsabile delle Unità Organizzative di produzione Politiche pubbliche, sviluppo e affari giuridici di BMTI S.c.p.A., Dottor Giulio Montanari:

Che tipo di aiuto fornirà il progetto Fi.Le. in termini di contrasto al caporalato?

“Le pratiche illegali nel settore agroalimentare rappresentano una criticità del tessuto sociale ed economico italiano; in alcune aree, come ad esempio in Capitanata, il fenomeno produce un significativo impatto anche sulle dinamiche legate alla sostenibilità delle filiere agroalimentari e alla sicurezza dei territori. Il progetto Fi.Le., in questo contesto, si prefigge di tutelare l’apparato produttivo agroalimentare attraverso un sistema informativo incentrato sulla gestione dinamica e legale dell’offerta di lavoro e di un sistema di business intelligence per l’analisi del territorio. Per le sue caratteristiche il progetto coordinato da BMTI rappresenta un ulteriore e valido strumento di promozione della sostenibilità socioeconomica della filiera; Fi.Le. interviene, infatti, nella gestione delle criticità strutturali connesse all’esigenza di celere reperimento di manodopera agricola al sorgere di necessità non programmate e non programmabili.”

Come sarà agevolato l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro?

“L’accesso alla piattaforma telematica Fi.Le. Filiera Legale avviene tramite il portale www.filieralegale.itLavoratori e aziende possono creare in maniera semplice e gratuita la propria utenza per accedere a Fi.Le. e inserire rispettivamente le proprie esperienze lavorative e disponibilità ad accettare incarichi e le necessità di manodopera in termini di numero di risorse, specializzazione e giornate. La piattaforma elabora le informazioni e le esigenze registrate incrociando i dati per generare automaticamente l’incontro tra azienda e lavoratori, garantendo forme di contrattualizzazione regolari.”

E della App?

“L’app Filiera Legale permette agli utenti della piattaforma di usufruire di una serie di servizi direttamente dal proprio telefonino. I lavoratori potranno gestire in maniera semplice e gratuita gli incarichi assegnati e visualizzare le informazioni relative al viaggio verso e dal campo agricolo. Le aziende invece potranno selezionare la giornata in cui necessitano di manodopera, visualizzare la lista dei lavoratori assegnati per la giornata lavorativa richiesta; comunicare al sistema l’arrivo dei lavoratori presso il campo agricolo e visualizzare le informazioni di dettaglio di ogni lavoratore assegnato.”

I vantaggi per lavoratori e aziende?

“I vantaggi sono tanti. Con Fi.Le. i lavoratori potranno avere la possibilità di ricevere offerte di lavoro da parte di più aziende, maggiore sicurezza e trasparenza nelle condizioni di lavoro ed usufruire di un servizio di trasporto sicuro e legale per raggiungere il campo. Le aziende invece avranno accesso ad un nuovo canale che permetterà di reclutare in modo sicuro e legale i lavoratori e di semplificare le procedure di contrattualizzazione della forza lavoro.”

Il progetto Fi.Le.: Filiera Legale coinvolge un partenariato composto dai rappresentanti delle categorie (lavoratori, produttori e trasformatori) della filiera del pomodoro da industria, selezionati attraverso un avviso pubblico. Capofila del progetto è BMTI: la società pubblica per lo sviluppo dei mercati e la diffusione dell’informazione economica.

 

Leggi anche:

Emersione dal nero in agricoltura e servizi alla persona: procedura con dubbi e criticità [E.Massi]

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1397 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Agronomia 2.0: nuove figure per le imprese agricole del futuro

Le imprese agricole stanno facendo grandi passi avanti nell’innovazione e nel costituire un nuovo modo di concepire il mondo agricolo. Giovani uomini e donne, queste ultime in lento ma continuo

INPS PUBBLICA ONLINE SCHEDA INFORMATIVA SOSTEGNO REDDITO AGRICOLTORI

(Adnkronos) Prosegue l’operazione trasparenza ‘Inps a porte aperte’. Oggi, nella sezione raggiungibile dall’home page del sito, è stata pubblicata una scheda informativa sulla prestazioni a sostegno del reddito in favore

Caporalato, gli sfruttati sono 430 mila

Aumento di trentamila unità in 12 mesi. In agricoltura il boom dei voucher maschera il lavoro nero In un anno l’uso dei ticket è cresciuto del 67%. Doveva fare emergere

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.