fbpx

Aumento assegno familiare fino al 31 dicembre 2021

Aumento assegno familiare fino al 31 dicembre 2021

Ho saputo che da luglio ci sarà l’aumento assegno familiare. È vero?

In considerazione di quanto previsto dall’articolo 5 del Decreto Legge n. 79/2021, per i lavoratori aventi diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare – ANF (ex articolo 2 del Decreto Legge n. 68/1988) sarà riconosciuto, dal 1° luglio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, una maggiorazione di:

  • 37,50 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari fino a 2 figli
  • 55,00 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari fino a 3 figli

É utile in tal senso ricordare i possibili beneficiari della prestazione e i requisiti per usufruire dell’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF):

Stando all’art. 2 della normativa che l’ha istituito, e leggendo quanto diffuso dall’INPS sul proprio sito, possiamo affermare che hanno facoltà di beneficiare dell’assegno per il nucleo familiare:

  • i lavoratori dipendenti;
  • i pensionati la cui prestazione pensionistica derivi da lavoro dipendente;
  • i lavoratori domestici;
  • i lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi;
  • i lavoratori statali in servizio ed anche quelli in quiescenza;
  • i dipendenti e pensionati degli enti pubblici anche non territoriali;
  • i lavoratori in somministrazione;
  • i lavoratori parasubordinati e lavoratori autonomi solo se iscritti alla Gestione Separata Inps;
  • i lavoratori dipendenti di ditte cessate e fallite;
  • i pensionati dei fondi speciali ex Enpals;
  • i soggetti titolari di prestazioni previdenziali;
  • i lavoratori percettori di particolari situazioni di pagamento diretto (ad esempio disoccupazione, cassa integrazione ecc…)

Questa misura di sostegno al reddito non viene erogata indiscriminatamente a tutti i richiedenti che abbiano famiglia, ma presuppone dei requisiti strettamente imperniati al nucleo familiare. Nello specifico per determinare il diritto di un lavoratore a percepire l’ANF e per stabilirne l’importo, assumono rilevanza:

  • il tipo di nucleo familiare;
  • il numero di persone che compongono il nucleo familiare;
  • il reddito complessivamente prodotto dall’intero nucleo familiare.

Leggi anche:

Aumento assegno per il nucleo familiare (ANF): indicazioni dell’INPS

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 683 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

IndC onlus : resoconto del primo anno di attività e progetti futuri [Evento 2014]

Si svolgerà il 19 Dicembre prossimo, nella splendida cornice della penisola sorrentina, l’evento 2014 di “una mano sul cuore” organizzato dall’associazione In nome di Concetta Onlus  per  raccogliere fondi a favore

Un lavoratore che ha la cessione del quinto può aderire al fondo pensione complementare?

L’adesione è possibile anche in considerazione di quanto stabilito dal Ministero del Lavoro nell’interpello n. 51/2018. Il Ministero evidenzia la possibilità dell’adesione ad una forma pensionistica complementare anche in costanza

Sono uno studente universitario e vorrei sapere la differenza tra appalto e somministrazione

La distinzione tra appalto e somministrazione di lavoro consiste nella diversità dell’oggetto: un “fare” nell’appalto, giacché l’appaltatore fornisce al commitente una opera o un servizio da realizzare tramite la propria

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.