fbpx

Stop al blocco dei licenziamenti

Licenziamenti dal primo luglio: la proroga, inizialmente fissata nel Sostegni bis al 28 agosto 2021, non è stata confermata.

Stop al blocco dei licenziamenti

Il blocco dei licenziamenti resta confermato al 30 giugno 2021. La notizia è delle ultime ore e, per quanto era emerso la scorsa settimana con l’ufficializzazione del Decreto Sostegni bis, ha del clamoroso.

Il Decreto, firmato dal premier Draghi e pubblicato martedì scorso in Gazzetta Ufficiale, prevedeva infatti, oltre a nuovi finanziamenti a sostegno di aziende e lavoratori maggiormente colpiti dalla pandemia da coronavirus, la proroga del blocco dei licenziamenti al 28 agosto.

Quest’ultima misura è stata, nelle ultime ore, ritirata dalla versione definitiva del testo del decreto legge.

In soldoni, dal primo luglio le aziende che utilizzeranno la cassa integrazione Covid – uno dei principali strumenti adottati dal governo per attenuare le conseguenze economiche della pandemia – non saranno più soggette al divieto di licenziamento dei dipendenti, in vigore fin dall’inizio dell’epidemia per evitare che migliaia di persone rimanessero senza lavoro e retribuzione per via della crisi.

Decreto Sostegni Bis e blocco dei licenziamenti

La proposta del Ministro Andrea Orlando prevedeva inizialmente due importanti novità. La prima riguardava la possibilità per le imprese che chiedevano la CIG Covid-19 (da utilizzare entro fine giugno dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge) di prorogare il blocco dei licenziamenti fino al 28 agosto.

La seconda novità (rimasta nella norma con qualche lieve modifica) concedeva, dal primo luglio, alle imprese che utilizzassero la cassa ordinaria, di non pagare le addizionali, ma con divieto di licenziamento.

Dopo la mediazione dei tecnici del Governo è stata cancellata la prima parte della norma, confermando, con qualche aggiustamento, la seconda proposta del Ministro Orlando, in base al principio che chi usa la CIG “scontata” non può licenziare finché la utilizza.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1374 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Mancanza della forma scritta e nullità della somministrazione (Cassazione)

Con sentenza n. 17540 del 1 agosto 2014, la Cassazione ha affermato che in caso di contratto di somministrazione di lavoro – stipulato ai sensi degli artt. 20 e ss. del D.L.vo n. 276 del

Assolavoro: assemblea pubblica sui cambiamenti del mercato del lavoro – Roma 19 giugno 2018

Il prossimo 19 giugno, a Roma, presso Palazzo Montemartini, si terrà un’Assemblea Pubblica indetta da Assolavoro nella quale verrà presentato il Position Paper “Le cinque sfide strategiche in un mercato

Agenzie per il lavoro : italia tra le best practice europee [ #ciett2015 #assolavoro]

SOMMINISTRAZIONE: IN ITALIA +15,5% OCCUPATI I TRIMESTRE 2015 Formazione e Welfare aggiuntivo per i lavoratori tramite Agenzia fanno del settore una buona pratica sul piano internazionale, nel 2014 oltre 196mila

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.