fbpx

È possibile richiedere l’esonero all’assunzione di un disabile?

È possibile richiedere l’esonero all’assunzione di un disabile?

La richiesta all’esonero parziale di massimo il 60% della scopertura, avviene qualora l’azienda dimostri che le postazioni organizzative e le mansioni svolte all’interno dell’azienda hanno caratteristiche tali da rendere difficoltoso l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

In particolare, l’esonero parziale è possibile in caso di:

  • a)      faticosità della prestazione lavorativa: presenza di attività richiedenti deambulazione e/o stazione eretta prolungata e costante, movimentazione manuale di carichi ripetuta e/o continua nell’arco del periodo lavorativo giornaliero, elevata manualità, presenza di situazioni ad alto contenuto di stress e tensioni mentali, ecc.;
  • b)      pericolosità connaturata al tipo di attività, anche derivante da condizioni ambientali nelle quali si svolge l’attività stessa: presenza di agenti chimici e/o fisici, processo produttivo complesso, impianti tecnologici, macchine e attrezzature, sostanze e materie prime a rischio, condizioni di esecuzione complessa, movimentazione meccanica ecc.;
  • c)       particolare modalità di svolgimento della prestazione lavorativa: presenza di lavoro esterno e/o articolato su turni, personale viaggiante, particolare specializzazione del personale, ecc.

In questi casi è previsto un contributo esonerativo di 30,64 euro per ciascuna unità non assunta e per ogni giorno lavorativo.

 

Dal sitio del Ministero del Lavoro Cliclavoro:

L’obbligo di assumere lavoratori appartenenti alla categoria dei disabili è sospeso, temporaneamente, nei confronti delle imprese:

  • in ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale con in intervento straordinario di integrazione salariale
  • in situazione dichiarata di fallimento, in liquidazione
  • che stipulano contratti di solidarietà
  • in mobilità, limitatamente alla durata della mobilità. Qualora la procedura si concluda con il licenziamento di più di cinque lavoratori, la sospensione si proroga di un anno 
  • che hanno sottoscritto degli accordi di incentivo all’esodo ai sensi dell’art. 4, commi 1-7 della Legge 92/2012 (Circolare MLPS n.22/2014)

Nei casi sopra indicati, nel periodo in cui l’azienda rimane in attesa di ricevere l’autorizzazione, il Servizio Provinciale Competente può concedere la sospensione per un periodo non superiore a tre mesi, rinnovabile una sola volta.

Per maggiori informazioni leggi anche:

Benefici per l’assunzione attraverso l’apprendistato professionalizzante: le ragioni della convenienza [E.Massi]

Un’analisi approfondita dei vari tipi di incentivi del tirocinio professionalizzante e i motivi per cui conviene utilizzarlo per le assunzioni nel 2019

Mancata assunzione di lavoratori disabili: le nuove sanzioni [E.Massi]

Con le ultime modifiche contenute nel decreto correttivo dei provvedimenti attuativi del Jobs act, si interviene, nuovamente, sulla legge n. 68/1999, già oggetto di un “restyling” appena lo scorso anno. Mi riferisco all’intervento normativo, contenuto nella revisione del decreto legislativo n. 151/2015, con il quale viene riscritta

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 703 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.