fbpx

Un’impiegata può collaborare con un contratto a partita iva?

Un’impiegata può collaborare con un contratto a partita iva?

Dobbiamo inserire in un nostro ufficio, per un periodo di circa 9 mesi continuativi, un’impiegata addetta all’inserimento dati anagrafici e dati tecnici sul gestionale, tramite un contratto a partita iva. La richiesta proviene direttamente dalla lavoratrice. E’ corretto il tipo di contratto?

In base alle informazioni fornite, non posso che darle un parere negativo, in quanto sono presenti alcuni indicatori di subordinazione che posso così riepilogare:

  1. L’attività lavorativa è impiegatizia e comprende l’inserimento di meri dati. Ritengo che l’attività venga effettuata senza la dovuta autonomia gestionale ed in completa etero-direzione da parte dell’azienda;
  2. Manca una professionalità medio-alta;
  3. L’organizzazione del lavoro è in capo al “committente” e non al lavoratore autonomo (luogo e orari di lavoro).

Leggi anche: Una partita IVA in regime forfettario può collaborare con un ex datore di lavoro?

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento orale: quando scatta il termine dei 60 giorni per l’impugnazione?

Assisto un lavoratore che è stato licenziato oralmente. Da quando scatta il termine dei 60 giorni per l’impugnazione del licenziamento? La Corte di Cassazione ha affermato che per l’impugnazione extra-giudiziale

È possibile contrattualizzare, con il lavoratore, il prolungamento del preavviso rispetto a quanto previsto dal CCNL? In partica, è possibile allungare il periodo di preavviso?

Ritengo che la cosa sia possibile. La Corte di Cassazione si è pronunciata positivamente nel 2015 (sentenza n. 16527/2015), stabilendo che la sanzionabilità del preavviso avviene qualora esso venga escluso

Sono disoccupato, volevo sapere se ho diritto all’Assegno di Ricollocazione.

L’Assegno di ricollocazione è destinato a chi ha la NASpI (indennità di disoccupazione) da almeno 4 mesi. Si tratta di una somma che il disoccupato può utilizzare indirettamente attraverso soggetti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.