fbpx

Sono obbligato a far svolgere l’attività lavorativa in smart working ad un lavoratore disabile?

Sono obbligato a far svolgere l’attività lavorativa in smart working ad un lavoratore disabile?

Se il lavoratore è considerato disabile grave, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della Legge n. 104/1992, ovvero sia una un lavoratore a rischio derivante da immunodepressione o con rischio derivante da esiti da patologie oncologiche o dalle conseguenti terapie salvavita (accertamento effettuato dal medico competente, o in mancanza, dall’INAIL, dall’ASL o dal dipartimento di medicina legale), il lavoratore disabile, ha diritto, dal 16 ottobre al 31 dicembre 2020, a prestare la propria attività lavorativa in modalità agile, anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dai contratti collettivi vigenti, o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto.

Per maggiori informazioni, di seguito, l’art. 3 della Legge n. 104/1992:

Articolo 3 – Soggetti aventi diritto

  1. È persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.
  2. La persona handicappata ha diritto alle prestazioni stabilite in suo favore in relazione alla natura e alla consistenza della minorazione, alla capacità complessiva individuale residua e alla efficacia delle terapie riabilitative.
  3. Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici.
  4. La presente legge si applica anche agli stranieri e agli apolidi, residenti, domiciliati o aventi stabile dimora nel territorio nazionale. Le relative prestazioni sono corrisposte nei limiti ed alle condizioni previste dalla vigente legislazione o da accordi internazionali.

Leggi anche:

Il rispetto delle norme in azienda ed il potere di disposizione degli ispettori del lavoro [E.Massi]

Garante privacy: COVID-19 – trattamento dei dati nel contesto lavorativo

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 672 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come gestisco le ritenute fiscali su 4 filiali con 4 appalti diversi?

Abbiamo una azienda che ha 4 filiali e ogni filiale ha un appalto su un committente, l’Agenzia delle Entrate ci ha detto che per dare il DURF occorrono circa 60

Ho un lavoratore disabile che ha superato il periodo di comporto, posso licenziarlo?

Deve tener necessariamente presente che le assenze per malattia legate alle condizione di disabile del lavoratore non rientrano nel periodo di comporto, mentre se le assenze fanno riferimento ad altre

COVID-19: Il congedo straordinario si può utilizzare ad ore? E in Smart-working?

L’utilizzo del congedo straordinario, previsto dal decreto Cura Italia, può essere utilizzato ad ore? Inoltre, lo posso utilizzare anche se sono in smart-working? Il congedo COVID-19 non può essere utilizzato

2 Commenti

  1. fabio
    Gennaio 29, 15:51 Reply

    Dr Camera buongiorno.
    A seguito della proroga dello Smart working emergenziale sino al 31 marzo 2021, i lavoratori che convivono con un disabile legge 104 possono ancora accedere al lavoro agile in priorità sino a quella data?

    Grazie e cordiali saluti.

    • Roberto
      Gennaio 30, 11:12 Reply

      Se si tratta del figlio disabile, questa possibilità è sino al 30 giugno 2021, sempreché vi sia compatibilità con l’attività lavorativa da remoto.

Lascia un commento