fbpx

Indennità Covid-19 – Attivo il servizio online per alcune categorie di lavoratori

Indennità di sostegno al reddito per lavoratori che hanno risentito della pandemia

Indennità Covid-19 – Attivo il servizio online per alcune categorie di lavoratori

Indennità Covid-19 – Servizio attivo per lavoratori autonomi e collaboratori

Indennità Covid-19. L’INPS comunica che è attivo il servizio online per la presentazione della domande di indennità di sostegno.

Possono accedere al servizio alcune categorie di lavoratori autonomi e collaboratori coordinati e continuativi che hanno svolto l’attività nei comuni dichiarati zona rossa a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 in Lombardia e Veneto.

La misura di sostegno, introdotta dall’articolo 44-bis del decreto-legge 17 marzo 2020 (c.d. Cura Italia), prevede l’erogazione di una indennità aggiuntiva da 500 a 1.000 euro – a seconda dei casi – rispetto alle eventuali somme già fruite.

A chi è rivolto il servizio

Le indennità Covid-19 sono previste per marzo, aprile e maggio 2020, per le seguenti categorie di lavoratori:

  • professionisti con partita IVA;
  • collaboratori coordinati e continuativi;
  • lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione Generale Obbligatoria;
  • lavoratori stagionali dei settori del turismo;
  • operai agricoli a tempo determinato;
  • lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori stagionali dei settori diversi da quelli del turismo;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori autonomi occasionali;
  • lavoratori incaricati di vendita a domicilio.

Tutte le indicazioni relative all’accesso, alla corretta compilazione della domanda, alle funzioni che permettono di controllarne lo stato e l’esito del pagamento, sono consultabili nel tutorial pubblicato sul sito dell’ INPS.

  Scarica il tutorial INPS

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1341 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cassazione : non costituisce reato la mancata reintegra nel posto di lavoro

Con sentenza n. 6777/2015, la Corte di Cassazione ha affermato che non costituisce reato la mancata ottemperanza del datore di lavoro all’ordine del giudice di reintegrare un dipendente nel posto di lavoro. I giudici della

Oneri di comunicazione anche nei licenziamenti collettivi con cessazione di attività [Cassazione]

Con sentenza n. 18286 del 25 luglio 2017, la Corte di Cassazione ha affermato che nel caso di licenziamenti collettivi adottati al termine di una procedura collettiva per un’azienda in

Parlamento: pubblicata la legge in materia fiscale e finanziaria

Il Parlamento ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 293 del 18 dicembre 2018, la legge n. 136 del 17 dicembre 2018, di conversione del decreto legge n. 119/2018, con le disposizioni

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento