fbpx

Cos’è il congedo Covid per i lavoratori che hanno figli minori di 16 anni?

Cos’è il congedo Covid per i lavoratori che hanno figli minori di 16 anni?

Mi può spiegare il congedo Covid previsto per i lavoratori che hanno figli minori di 16 anni? Entro quale periodo va utilizzato?

L’articolo 23, comma 6, della Legge n. 27/2020, di conversione del decreto legge 18/2020 (cd. decreto cura Italia), ha previsto la fruizione di un congedo per i lavoratori, dipendenti del settore privato, con figli minori di anni 16, per tutto il periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado. Detto congedo va ad aggiungersi al congedo parentale Covid di 30 giorni per i lavoratori con figli di età non superiore ai 12 anni.

La disposizione presenta alcune lacune che non sono state chiarite dagli enti preposti. In particolare, la norma non prevede un termine alla fruizione del congedo né, tantomeno, un ammontare massimo di giorni di utilizzo. Sicuramente, a mio avviso, non può essere fruito in un periodo, come agosto, dove le scuole sono chiuse ma, esclusivamente, allorquando vi sarà una sospensione dei servizi scolastici in periodi ordinariamente aperti.

Ricordo che il congedo non prevede la corresponsione di una indennità né il riconoscimento di una contribuzione figurativa da parte dell’INPS.

Per maggiori informazioni, di seguito, l’articolo 23, comma 6, decreto legge 18/2020:

Norme speciali in materia di riduzione dell’orario di lavoro e di sostegno ai lavoratori

Art. 23

Congedo e indennità per i lavoratori dipendenti del settore privato, i lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26 della legge 8 agosto 1995, n. 335, e i lavoratori autonomi, per emergenza COVID -19

  1. Fermo restando quanto previsto nei commi da 1 a 5, i genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli minori, di età compresa tra i 12 e i 16 anni, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o che non vi sia genitore non lavoratore hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, senza corresponsione di indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 672 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se assumo oggi un lavoratore a tempo indeterminato, ho diritto all’ incentivo ? Il contratto che stipulerò è a tutele crescenti?

L’assunzione a tempo indeterminato effettuata dal 1° gennaio 2015 da diritto all’incentivo previsto dalla legge di Stabilità 2015. Per le modalità di fruizione dell’esonero bisognerà aspettare una circolare dell’Inps di

E' uscito il decreto sulla detassazione, potrò detassare le retribuzioni di produttività?

Non è così semplice ed immediata la detassazione. Innanzitutto, il decreto è stato solo sottoscritto dai Ministri dell’Economia e del Lavoro e non è stato ancora registrato in Corte dei

Tra assunzioni a tempo determinato e somministrazione esistono sostanziali differenze in termini giuridici?

Per rispondere compiutamente al suo quesito bisogna analizzare non solo la disposizione di legge ma anche la contrattazione collettiva che ha disciplinato le due tipologie contrattuali. Le differenze possono essere

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento