fbpx

Istanze di esonero per coltivatori diretti e imprenditori agricoli con meno di 40 anni

L’Inps, per i lavoratori autonomi agricoli, ha emanato il messaggio 2787 con cui evidenzia le modalità per accedere alle istanze di esonero per coltivatori diretti e imprenditori agricoli con meno di 40 anni

Istanze di esonero per coltivatori diretti e imprenditori agricoli con meno di 40 anni

L’INPS ha emanato il messaggio n. 2787 del 13 luglio 2020, con il quale evidenzia le modalità di fruizione, per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali (di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99), con età inferiore a quarant’anni, con riferimento alle nuove iscrizioni nella previdenza agricola effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, dell’esonero dal versamento del 100% dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti.

L’istanza di ammissione all’incentivo deve essere presentata entro 120 giorni dalla data di comunicazione di inizio attività. Le istanze di ammissione al beneficio presentate oltre 210 giorni dall’inizio dell’attività saranno respinte.

L’INPS evidenzia che a decorrere dal 1° luglio 2020 il controllo del massimale relativo agli aiuti de minimis e agli aiuti de minimis SIEG già concessi avviene esclusivamente attraverso il Registro Nazionale Aiuti (cfr. la circolare n. 157/2019), pertanto, ai fini del riconoscimento del beneficio è necessario acquisire la visura dal Registro Nazionale Aiuti.

Per le domande di esonero per gli aiuti concessi ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali con età inferiore ai quarant’anni, già presentate, l’Istituto sta verificando il rispetto del massimale de minimis.

Acquisita la visura dal Registro Nazionale Aiuti, l’istanza di esonero è elaborata automaticamente e viene inviata, all’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda di ammissione al beneficio, una comunicazione con l’invito ad accedere al Cassetto previdenziale per Autonomi Agricoli per verificare l’esito dell’istanza.

In caso di esito positivo, l’avviso di pagamento relativo alla tariffazione elaborata nel corrente anno 2020, relativo anche ad anni pregressi, sarà rielaborato tenendo conto del riconoscimento del beneficio dell’esonero contributivo.

Fonte: INPS

Per maggiori informazioni leggi anche:

Contratti a termine in agricoltura per i percettori di Reddito di Cittadinanza [INPS]

INPS: proroga NASpI e DIS-COLL e lavoro in agricoltura

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

“Estate Sicura” : presentato il report dell’operazione contro il caporalato

Sono stati presentati alla presenza del ministro del Lavoro Giuliano Poletti e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, ieri a Roma, i dati del report sulla campagna “Estate Sicura”. L’operazione,

Il rilancio del Sud tra imprese e agricoltura

Il Sud ha ripreso a correre. I numeri parlano di un rilancio consistente e veloce, ma ancora c’è molto lavoro da fare. Il tasso di disoccupazione è ancora piuttosto alto,

I millennial scoprono il business dell’Agricoltura 4.0

Chi ha detto che i giovani, i cosiddetti millennial, non sono propensi alla coltivazione dei campi e all’allevamento di animali? Al contrario l’agricoltura 4.0 sta facendo sempre più presa su

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.