Il premio 100 euro per le giornate di lavoro in sede vale per i part-time?

Il premio 100 euro per le giornate di lavoro in sede vale per i part-time?

Come datore di lavoro devo erogare di il premio 100 euro per le giornate di lavoro fatte in azienda dai miei lavoratori. Devo fare una proporzione per quelli a part-time?

No, nessuna differenza tra i lavoratori a tempo pieno e quelli part-time.

Per maggiori, di seguito un estratto dall’editoriale “100 euro: il premio ai lavoratori dipendenti al tempo del COVID-19 [E.Massi]”

[…] Ma, a chi spetta il premio?

Una prima scrematura la effettua la norma: i lavoratori interessati sono quelli che nel corso dell’anno precedente non hanno superato la soglia dei 40.000 euro da lavoro dipendente. Sul punto la circolare n. 8/E chiarisce come debba essere preso in considerazione soltanto il reddito assoggettato a tassazione progressiva IRPEF e non quello a tassazione separata o ad imposta sostitutiva. Da ciò si deduce che, ad esempio, i premi di risultato erogati nel corso del 2019 non vanno computati.

C’è, poi, la questione di chi nel corso del 2019 è stato alle dipendenze di altri datori di lavoro. In assenza di CU, è sufficiente una autocertificazione del dipendente, ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR. n. 445/2000 che attesti quanto percepito.

Il premio è di 100 euro: ma come va erogato?

L’art. 63 parla di rapporto con le giornate lavorate: da ciò, a mio avviso, discende che considerato l’orario contrattuale mensile suddiviso in 5 o 6 giornate di lavoro settimanale, il valore giornaliero risulti da una suddivisione tra 100 e 22 o 26 giorni, sicchè esso è pari a 4,54 euro nella prima ipotesi e 3,85 nella seconda.

Nella definizione della misura giornaliera non entrano in alcun modo le assenze dovute a malattia, ferie, congedo, assenze per aspettativa, intervento integrativo salariale a zero ore ed altre assenze “protette e riconosciute” dal Legislatore, in quanto il premio, esente da IRPEF e dalla relativa contribuzione, è unicamente legato alla presenza fisica sul posto di lavoro.

In tale logica, nella stessa giornata il premio è riconosciuto sia a chi presta la propria attività con un orario a tempo parziale che a full-time ed è nella stessa misura, in quanto la disposizione lo riconosce a chi è andato al lavoro in quei giorni, a prescindere dalla durata della prestazione[…]

Per maggiori informazioni leggi anche:

COVID-19: procedure attive dell’Inps per congedi e permessi 104

L’Istituto di Previdenza ha emanato le procedure di compilazione e invio on line delle domande relative ai congedi e permessi 104 per l’emergenza COVID-19

Covid-19: il sostegno al reddito da lavoro dipendente e la sospensione dei licenziamenti [E.Massi]

Il sostegno al reddito da lavoro dipendente e la sospensione dei licenziamenti: il punto sulle nuove disposizioni per datori di lavoro e dipendenti

Covid-19 e lavoro: Normativa di settore, decreti e misure per gestire l’emergenza

Sezione provvedimenti riguardanti l’emergenza sanitaria da Covid-19

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 580 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Può l’azienda farmi passare da 8 ore fisse a turni a ciclo continuo notturno pur essendo madre di un bimbo disabile che ha bisogno della mia assistenza?

Buongiorno, l’azienda dove lavoro mi ha cambiato l’orario di lavoro da 8 ore fisse, mi ha passato a turni a ciclo continuo, anche di notte. Posso evitarli visto che ho

Ho un apprendista di primo livello. Vorrei sapere come calcolare la contribuzione agevolata per le ore di formazione interna, a carico del datore di lavoro.

La contribuzione, pari al 10% previsto per le ore di formazione interna dei lavoratori assunti con contratto di apprendistato della prima tipologia (apprendistato per la qualifica e il diploma professionale…),

Mi dicono che non posso trasformare un contratto a termine in apprendistato? perché?

Il contratto di apprendistato, per quanto sia un contratto di lavoro a tempo indeterminato, è finalizzato alla occupazione ed alla formazione dei giovani. Proprio questo secondo aspetto non è secondario,

4 Commenti

  1. StefanoM
    Aprile 27, 18:46 Reply

    Buonasera,
    lavoratore full-time che nel mese di marzo ha lavorato tutti i giorni, solo che in alcuni ha lavorato 4 ore in azienda usufruendo, altresì, di 4 ore di permesso.
    Il bonus spetta interamente (100 euro), o c’è da fare un riproporzionamento?
    molte grazie,

    • Roberto
      Aprile 27, 18:52 Reply

      La fruizione del premio non dovrà essere proporzionale alle ore di lavoro ma alle giornate.

  2. simpat
    Aprile 22, 15:11 Reply

    buongiorno ai CO.CO.CO spettano i 100,00 euro?
    grazie

    • Roberto
      Aprile 23, 08:55 Reply

      No, l’erogazione, proporzionata alle presenze del mese di marzo, è per i soli lavoratori dipendenti.

Lascia un commento