fbpx

COVID-19: procedure attive dell’Inps per congedi e permessi 104

L’Istituto di Previdenza ha emanato le procedure di compilazione e invio on line delle domande relative ai congedi e permessi 104 per l’emergenza COVID-19

COVID-19: procedure attive dell’Inps per congedi e permessi 104

L’INPS ha emanato il messaggio n. 1416 del 30 marzo 2020, con il quale comunica che sono in linea le procedure di compilazione e invio on line delle domande relative ai congedi per emergenza COVID-19 in favore dei lavoratori dipendenti del settore privato, dei lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e dei lavoratori autonomi.

Inoltre, l’Istituto ha provveduto ad adeguare le informative presenti nella procedura per l’acquisizione delle domande da parte dei lavoratori dipendenti del settore privato per la fruizione dei permessi di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/1992.

L’identificazione puntuale dei potenziali destinatari dei benefici e anche degli eventuali motivi di esclusione è contenuta nella circolare n. 45 del 25 marzo 2020.

Con riferimento ai congedi per emergenza COVID-19, i genitori appartenenti alle tipologie di lavoratori che non potevano presentare domanda di congedo COVID-19 potranno adesso provvedervi mediante le procedure aggiornate di cui al presente messaggio, anche per periodi precedenti la data di presentazione della domanda on line, purché non anteriori alla data del 5 marzo 2020.

I lavoratori dipendenti che abbiano già presentato precedente domanda di congedo parentale ordinario e stiano usufruendo del relativo beneficio, non dovranno presentare una nuova domanda di congedo COVID-19.

Per le domande di congedo COVID-19 non è ammessa la modalità di accesso semplificata di cui al messaggio n. 1381/2020; pertanto gli interessati dovranno avvalersi delle consuete modalità messe a disposizione dall’Istituto, ossia:

  • tramite il portale web dell’INPS, se si è in possesso del codice PIN rilasciato dall’Istituto (oppure di SPID, CIE, CNS), utilizzando gli appositi servizi raggiungibili direttamente dalla home page del sito www.inps.it.

Gli stessi servizi sono anche raggiungibili dal menù “Prestazioni e servizi”, nell’elenco “Tutti i servizi”:

–      selezionando la lettera “M”, con il titolo “Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata”;

–      selezionando la lettera “D”, con il titolo “Domande per Prestazioni a sostegno del reddito”, “Disabilità”;

  • tramite il Contact center integrato, sempre attraverso il PIN INPS, chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  • tramite i Patronati, utilizzando i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.

Si ricorda che eventuali richieste di nuovi PIN si possono effettuare tramite il sito internet dell’INPS (facendo clic su “Assistenza”, in alto a sinistra, quindi sul pulsante “Ottenere e gestire il PIN).

In alternativa, la richiesta del PIN si può effettuare attraverso il Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure il numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento).

Nel caso si possieda un PIN con password scaduta o smarrita, il cittadino può accedere alle funzioni di gestione del PIN disponibili sul sito INPS (facendo clic su “Assistenza”, in alto a sinistra, quindi sul pulsante “Ottenere e gestire il PIN), per utilizzare le funzioni di recupero del PIN.

Fonte: INPS

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Rapporto di lavoro e trattamento illecito di dati sensibili [cassazione]

Con sentenza n. 11223 del 29 maggio 2015, la Corte di Cassazione ha affrontato una questione inerente il corretto trattamento dei dati sensibili in costanza di rapporto di lavoro. Nel caso

La Camera dei deputati approva il Jobs Act per Lavoratori Autonomi

Jobs Act per Lavoratori Autonomi La Camera dei deputati, nella giornata del 9 marzo 2017, ha approvato il disegno di legge (già approvato dal Senato) sulle misure per la tutela del

Lavoro autonomo e dipendente – La “raccomandazione” del Consiglio dell’UE

Protezione sociale per lavoratori subordinati e autonomi Lavoro autonomo e dipendente. Il Consiglio dell’Unione europea ha pubblicato, in data 15 novembre 2019, la “Raccomandazione sull’accesso alla protezione sociale per i

3 Commenti

  1. Jim81
    Ottobre 14, 06:15 Reply

    Buongiorno sono un dipendente di una azienda privata , con un contratto indeterminato, partime di 25 ore settimanali
    il datore di lavoro , richiamarmi a lavoro facendomi fare solo 5 ore settimanali?

  2. Danilo
    Aprile 25, 18:38 Reply

    Ho un contratto a TEMPO indeterminato. LAVORO al bar. PUÒ il commercialista e la titolare farlo diventare a TEMPO determinato, a mia insaputa?

  3. Silvia
    Aprile 05, 08:23 Reply

    Buongiorno, per usufruire dei permessi straordinari L104 (i 12 ulteriori giorni da utilizzare tra marzo e aprile), c’è bisogno di fare una domanda ALL’INPS?
    Oppure è automatico che se avevi già prima diritto al permessi L104 (3 giorni al mese), puoi usufruirne semplicemente informando e il datore di lavoro (ma senza alcuna ulteriore domanda all’INPS)?
    Grazie. Silvia

Lascia un commento