Come ottenere il PIN di accesso per il 730 pre-compilato e Certificazioni Uniche

Una nota congiunta dell’Agenzia delle Entrate e Inps informa i contribuenti sul modo migliore per affrontare le prossime scadenze fiscali. Per utilizzare i servizi telematici delle Entrate, incluso l’accesso al nuovo 730 precompilato, i contribuenti devono ottenere la password e il Pin di accesso a Fisconline in modo completamente gratuito. La richiesta può essere effettuata online, per telefono o in un qualsiasi ufficio territoriale, in modo da garantire a tutti i cittadini la possibilità di scelta sulla base delle proprie esigenze.

Se la richiesta è effettuata dal diretto interessato presso un ufficio dell’Agenzia, viene rilasciata la prima parte del codice Pin e la password di primo accesso; la seconda parte del Pin potrà essere subito prelevata dal contribuente direttamente via internet. A garanzia degli utenti, in caso di richiesta online, per telefono, o tramite soggetto delegato, la procedura prevede che la prima parte del Pin sia rilasciata immediatamente, mentre la seconda parte, con la password di primo accesso, sia inviata per posta presso il domicilio del contribuente registrato in Anagrafe tributaria.

Per quanto riguarda la Certificazione Unica dei redditi di lavoro, i pensionati e gli assistiti Inps possono riceverla facilmente e gratuitamente sia online, accedendo alla voce “Servizi al cittadino” sul sito dell’Inps, se dispongono del codice Pin rilasciato dall’ente previdenziale, sia presso i patronati o intermediari, sostenendo in quest’ultima ipotesi il costo della prestazione.

In ogni caso, ricorda il comunicato, in seguito ad un incontro fra il presidente dell’Inps e la Consulta Nazionale dei Caf si è stabilito che tutti i Caf che appartengono alla Consulta Nazionale offriranno la possibilità di ottenere la Certificazione Unica a titolo gratuito.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

(Ri)trasformazione da part-time a tempo pieno legittima anche senza la volontà del lavoratore ( Corte Europea di Giustizia )

La Corte di Giustizia Europea, con sentenza C-221/2013, ha dichiarato legittimo l’articolo 16 della legge n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro) nella parte in cui prevede la possibilità, per le Pubbliche Amministrazioni, di trasformare

Ministero del lavoro, limitazioni numeriche nel contratto a termine – Nota n. 14974/2014

Il Ministero del Lavoro, con  nota 1° settembre 2014, n. 14974,  fornisce chiarimenti in merito ai limiti di carattere quantitativo alla stipula dei contratti a tempo determinato nel caso in cui

INPS: Reddito di inclusione – guida alla misura di contrasto alla povertà

Sono 75.885 le domande di Reddito di Inclusione pervenute all’Inps nel periodo fra il 1° dicembre 2017 e il 2 gennaio 2018. La misura è stata introdotta dal Governo per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento