Approvato il Decreto Cura Italia: 25 miliardi per fronteggiare l’emergenza Covid-19

Stanziati 3,5 miliardi per la sanità e 10 miliardi per l'occupazione

Approvato il Decreto Cura Italia: 25 miliardi per fronteggiare l’emergenza Covid-19

È stato approvato da qualche ora il Decreto Marzo Cura Italia, che ha l’obiettivo di risanare l’economia italiana a fronte dell’emergenza da COVID-19.

Durante la conferenza stampa del consiglio dei ministri, alla quale hanno partecipato il Premier Giuseppe Conte, il ministro dell’economia Roberto Guatieri e il ministro del lavoro Nunzia Catalfo, è stato presentato il primo decreto salva economia (il secondo sarà presentato ad Aprile) attraverso il quale il governo vuole dimostrare la sua vicinanza ad imprese, professionisti e famiglie in un periodo di emergenza sanitaria e difficoltà economica.

Decreto Cura Italia – Misure di sostegno per la sanità e l’occupazione

Come riportato dal ministro Gualtieri in conferenza stampa, elenchiamo adesso le misure che saranno inserite nel decreto ufficiale Cura Italia che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nelle prossime ore:

  • 3,5 miliardi di euro per il sistema sanitario, la protezione civile e tutti i  soggetti pubblici impegnati a fronteggiare l’emergenza;
  • 10 miliardi di euro di sostegno per l’occupazione e per il reddito affinché nessun lavoratore perda il posto di lavoro a causa dell’emergenza Coronavirus;
  • estensione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi e stagionali e altre forme di lavoro con un assegno di 600 euro per il mese di Marzo.
  • estensione del congedo parentale e voucher babysitter di 600 € per i genitori.
  • sostegno aggiuntivo al reddito per quei lavoratori che avranno una una riduzione aggiuntiva del cuneo fiscale. Ci sarà quindi un aumento delle risorse in busta paga nel mese di Marzo.
  • iniezione di liquidità nel sistema del credito che può mobilitare circa 340 milioni di finanziamenti all’economia reale. In più viene garantita la sospensione di rate, prestiti e mutui tramite fondi e garanzie pubbliche al credito. Vieni quindi potenziato il fondo garanzia con il meccanismo del Fondo Gasparrini per la sospensione delle rate e dei mutui dei lavoratori autonomi o di chi ha perso il lavoro. In più c’è la possibilità di sospendere i prestiti o di estendere i finanziamenti.
  • sospensione di obblighi e versamenti di tributi e contributi. Il termine odierno è differito al prossimo venerdì. Sospensione della rata per i titolari di partita IVA che sarebbe dovuta scadere oggi 16 Marzo. La rata è differita dal prossimo venerdì fino al 31 maggio per tutte le imprese che hanno un fatturato fino a 2 milioni di euro. Analogo discorso anche per i contributi fiscali e i contributi previdenziali. La sospensione vale anche al di sopra di tale limite per tutte le filiere produttive che sono state immediatamente colpite da tale emergenza.

Decreto cura Italia – cassa in deroga per datori di lavoro e bonus babysitter per famiglie

Il ministro Catalfo elenca nel dettaglio le misure di sostegno ai lavoratori e alle famiglie italiani che saranno inserite nel decreto cura Italia:

  • fondo di integrazione salariale che viene integrato di 1 miliardo e 300 milioni di euro;
  • cassa in deroga per tutti i datori di lavoro anche con un solo dipendente. Per tale categoria è previsto uno stanziamento di 3 miliardi e 300 milioni di euro;
  • congedo parentale speciale per le famiglie. I genitori potranno usufruire di 15 giorni di congedo. In più c’è la possibilità di utilizzare un bonus babysitter di 600 euro. Lo stanziamento in questo caso è di 1 miliardo e 200 milioni. Ulteriori risorse saranno stanziate a tutto il personale del servizio sanitario e personale che avranno un bonus speciale in questo periodo in virtù del forte impegno che il personale sanitario sta effettuando;
  • estensione dei permessi previsti dalla legge 104 per i lavoratori. Per i mesi di Marzo e Aprile i permessi non saranno più di 3 ma di 12 giorni con uno stanziamento di 500 milioni di euro;
  • stanziamento di circa 3 miliardi di euro per il periodo di inattività a tutela degli autonomi e i liberi professionisti con partita IVA;
  • intervento sui licenziamenti per fermare le procedure attivate dal 23 febbraio in poi, data di inizio dell’emergenza coronavirus in Italia.

Potrebbe interessarti anche:

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1303 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il MOG : monte ore garantito dal CCNL per le Agenzie per il Lavoro

Il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per la categoria delle Agenzie per il Lavoro, sottoscritto il 27 febbraio scorso, ha introdotto uno strumento del tutto nuovo nel nostro ordinamento.

L’Appalto di Servizi configura una somministrazione illecita se l’appaltatore si limita a gestire i lavoratori. Meglio ricorrere alle Agenzie per il Lavoro autorizzate.

Nell’appalto “endoaziendale” si configura l’intermediazione vietata di manodopera quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa. Ciò anche se l’appaltatore non è una società fittizia, tuttavia si

Jobs Act : La delega sul lavoro e l’attuazione [tabella riassuntiva]

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 15 dicembre 2014 la meglio nota come Jobs Act, contiene le deleghe ai Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento