fbpx

Crisi Covid-19 – 4 milioni di euro per i liberi professionisti

Misure straordinarie per tutelare i professionisti e salvaguardare i livelli occupazionali nel settore

Crisi Covid-19 – 4 milioni di euro per i liberi professionisti

Crisi Covid-19 – Il piano per fronteggiare l’emergenza lavoro negli studi professionali

Crisi Covid-19. Confprofessioni, d’intesa con le parti sociali del settore, mobilita tutti gli enti bilaterali del Ccnl degli studi professionali (Ebipro, Cadiprof e Fondoprofessioni) per offire un aiuto concreto ai liberi professionisti. Anche questa categoria di lavoratori infatti sta affrontando gravissime difficoltà sul piano economico e occupazionale causate dalla diffusione del virus Covid 19.
Per tutti gli studi professionali interessati dall’emergenza sanitaria. l’Ente bilaterale per gli studi professionali (Ebipro) ha varato una serie di misure straordinarie (oltre a quelle messe in atto dal governo) che hanno due obiettivi principali:
  • erogare un contributo a sostegno del reddito;
  • rimborsare le spese per agevolare lo smart working.
Ecco le parole del Presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella.

La situazione degli studi professionali è allarmante. In molte aree del Paese l’attività si è ridotta drasticamente, causando gravi rischi sulla tenuta economica e occupazionale. Al di là delle misure messe in campo dal Governo, il nostro sistema della bilateralità ha il dovere di intervenire tempestivamente per tutelare i professionisti e assicurare continuità al lavoro negli studi professionali. Le risorse finanziarie messe in campo dalla nostra bilateralità sono certamente importanti in questa fase di emergenza, ma dobbiamo pensare anche a una fase post emergenza per rilanciare l’attività degli studi professionali. E in questa direzione stiamo lavorando al fianco del Governo Conte per individuare tutti gli strumenti e le misure necessarie”.

Le risorse di Epibro e le linee di intervento

Le risorse messe a disposizione da Ebipro ammontano a oltre quattro milioni di euro, che verranno distribuiti su tre linee di intervento specifiche:

  • Sostegno al reddito. Gli studi professionali possono accedere alle misure sul sostegno al reddito già previste dal Ccnl degli studi professionali. In questi casi, il beneficio consiste in un contributo a sostegno della retribuzione oraria lorda persa in seguito alla riduzione o alla sospensione dell’orario di lavoro. Allo studio interventi per integrare gli ammortizzatori sociali in deroga.

 

  • Smart working. Il decreto emanato dal Governo prevede la possibilità di attivare lo smart working per tutta la durata dell’emergenza. In questo ambito Ebipro per agevolare il lavoro a distanza  interviene con un rimborso a favore del datore di lavoro per le spese sostenute nell’acquisto degli strumenti necessari (personal computer, monitor, stampanti…). L’importo viene riconosciuto per ciascun lavoratore interessato.

 

  • Accesso al credito. Ebipro ha definito un protocollo d’intesa con Fidiprof, il confidi degli studi professionali soggetto garante autorizzato dal Mediocredito Centrale. Tale istituto riconosce un contributo per rilasciare garanzie su finanziamenti per investimenti o liquidità per 7,5 milioni di euro. L’obiettivo è di favorire l’accesso al credito ai liberi professionisti e di stimolare la ripresa delle attività degli studi post emergenza.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1417 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.