fbpx

Integrazione salariale per i somministrati – Accordo firmato da Assolavoro

Accordo in materia della continuità occupazionale e retributiva dei lavoratori somministrati coinvolti dall'emergenza COVID-19

Integrazione salariale per i somministrati – Accordo firmato da Assolavoro

Integrazione salariale – Dieci milioni di euro per i somministrati

Integrazione salariale. Il 6 Marzo 2020, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro (Assolavoro), ha firmato un nuovo accordo con i sindacati di categoria Nidil Cgil, Felsa Cisl, UilTemp. Il contenuto dell’accordo riguarda lo stanziamento di dieci milioni di euro e altre misure straordinarie a tutela della continuità occupazionale e retributiva dei lavoratori in somministrazione coinvolti dall’emergenza COVID-19;

Tali misure sono destinate sia ai lavoratori impiegati in unità produttive ubicate nelle cosiddette aree rosse e gialle, sia ai lavoratori comunque residenti o domiciliati nelle medesime aree.

Tra le misure si prevede in particolare che il Trattamento di Integrazione Salariale “in deroga”, in via straordinaria, sia garantito attraverso un appostamento di dieci milioni di euro a valere sul Fondo di Solidarietà di settore. Tale integrazione è valida solo nel caso in cui l’utilizzatore (l’azienda presso cui è impiegato il lavoratore in somministrazione) non attivi alcun ammortizzatore sociale.

Integrazione salariale anche per chi ha meno di 90 giorni di anzianità

Anche i lavoratori in somministrazione con meno di 90 giornate di anzianità possono beneficiare del trattamento di Integrazione Salariale ordinario. In questo i periodi di malattia legati all’emergenza Covid-19 vengono esclusi dal computo del periodo di comporto previsto dal vigente contratto collettivo di lavoro.

Periodo di decorrenza delle nuove misure

Le misure introdotte, come si legge nel testo dell’intesa, hanno vigenza a decorrere dal 23 febbraio 2020 fino al 30 aprile 2020, fatte salve eventuali successive deliberazioni assunte dalle Parti in relazione all’andamento dell’emergenza-

Le persone impiegate attraverso la somministrazione di lavoro nel corso del 2019 sono state oltre 400 mila (media mensile). Le Agenzie per il lavoro abilitate a operare e iscritte nell’apposito Albo ministeriale sono un centinaio. Assolavoro rappresenta oltre l’85% del settore.

  Scarica il testo dell’Accordo

 

 

 

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1393 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Call center: strumenti di sostegno al reddito per lavoratori del settore

La Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e degli incentivi all’occupazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 42 del 30 dicembre 2016, con la quale

L’Appalto di Servizi configura una somministrazione illecita se l’appaltatore si limita a gestire i lavoratori. Meglio ricorrere alle Agenzie per il Lavoro autorizzate.

Nell’appalto “endoaziendale” si configura l’intermediazione vietata di manodopera quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa. Ciò anche se l’appaltatore non è una società fittizia, tuttavia si

Il ruolo delle Agenzie per il Lavoro nell’attuale scenario economico

Già da diverso tempo le scuole di specializzazione infermieristica producono un numero di professionisti ben al di sotto del fabbisogno minimo per poter far fronte al fisiologico turn over della

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.