fbpx

Devo corrispondere un importo inserendo una clausola di riservatezza?

Devo corrispondere un importo inserendo una clausola di riservatezza?

Vorremmo inserire nella lettera di assunzione la clausola di riservatezza, in quanto il dipendente da assumere deve accedere ai nostri server e quindi trattare file sensibili dell’azienda. L’azienda deve corrispondere un importo?

Ritengo che non sia il caso di stipulare una clausola di riservatezza con un dipendente, in quanto superflua. L’articolo 2105 del codice civile stabilisce che: “Il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio.”. Detto questo, il lavoratore ha l’obbligo della riservatezza sulle informazioni acquisite in azienda.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 645 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Posso detassare il premio risultato che non raggiunge i requisiti per la detassazione del 10%, qualora lo converta in welfare?

L’Agenzia delle Entrate, nella sua circolare n. 28/2016 (pagina 19 e 20), stabilisce che le agevolazioni previste dai commi 182 e ss. della legge 208/2015, al welfare sono applicabili esclusivamente

Esistono svantaggi nell’assunzione di un domestico con un contratto a termine?

Il rapporto di lavoro domestico è differente rispetto ad un ordinario rapporto di lavoro. Non parlerei di svantaggi nell’assumere un lavoratore a termine ma di piccole differenze. Tra queste: il

Come si posso inquadrare figure di ex-dipendenti in pensione, che erano cococo, e che prestano il loro servizio come consulenti e organizzatori in diversi settori Aziendali, per il futuro?

Qualora l’attività degli ex dipendenti non sia continuativa all’interno dell’azienda e vi sia un’autonomia gestionale del soggetto, il lavoratore in pensione potrebbe aprire partita IVA e svolgere, da autonomo, la prestazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento