Sto svolgendo uno stage per una azienda, la quale mi sta facendo fare attività diverse rispetto a quelle previste per PFI . Cosa posso fare?

Sto svolgendo uno stage per una azienda, la quale mi sta facendo fare attività diverse rispetto a quelle previste per PFI . Cosa posso fare?

L’azienda ospitante deve rispettare, per quanto riguarda le attività da far svolgere al tirocinante, quanto previsto dal PFI (Piano Formativo Individuale). L’eventuale difformità tra quanto previsto dal PFI e quanto effettivamente svolto dal tirocinante presso il soggetto ospitante, può dar luogo al disconoscimento del tirocinio stesso, da parte degli organi di vigilanza. Per cui, La invito a rivolgersi all’ispettorato del lavoro territorialmente competente, il quale si attiverà per le verifiche del caso.

Per maggiori informazioni riportiamo uno stralcio dell’editoriale di Eufranio Massi I tirocini formativi sotto la lente degli ispettori del lavoro [E. Massi]” :

[…] Una particolare attenzione va posta alla c.d. convenzione stipulata tra il datore di lavoro ospitante ed un soggetto promotore: essa, in allegato, deve contenere un progetto formativo individuale, per ciascun tirocinante, predisposto sulla base di modelli predefiniti. Gli elementi essenziali dello stesso, oltre alla identificazione dei soggetti coinvolti, deve, necessariamente, indicare la durata, la tipologia, le specifiche relative alla attività da svolgere e le conseguenti modalità di attuazione. Ovviamente, sia sul soggetto promotore che su quello ospitante incombono una serie di obblighi come, ad esempio, per il primo, l’assicurazione INAIL e la responsabilità civile verso terzi, salvo accordi diversi risultanti dalla convenzione, il monitoraggio del tirocinio, l’individuazione di un tutor con funzioni di referente […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 556 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Non sono riuscito a trovare, sul sito del ministero, il format obbligatorio per le dimissioni previsto dalla nuova normativa approvata a Settembre. Cosa devo fare?

La normativa sulle dimissioni a cui si fa riferimento è l’articolo 26 del decreto legislativo n. 151/2015 (c.d. decreto Semplificazioni). Per quanto la norma sia entrata in vigore il 24

La mia azienda vuole pagare il vaccino anti influenzale a tutti i lavoratori, posso considerarlo un welfare aziendale?

  A mio avviso, sì, in quanto rientra nei welfare previsti dalla lettera f), comma 2, dell’art. 51 del TUIR (“l’utilizzazione delle opere e dei servizi riconosciuti dal datore di

Il welfare proveniente da PDR, qualora non convertito entro la scadenza, può essere corrisposto in contanti?

Sì. Qualora il lavoratore non abbia convertito in welfare il proprio premio di risultato alla scadenza prevista, questo dovrà essere erogato quale retribuzione e tassato al 10%, sempreché l’azienda abbia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento