fbpx

Bonus assunzioni 2020 – Incentivo “IO Lavoro” per chi assume giovani o disoccupati

Nuovo incentivo occupazionale per imprese in cerca di personale e giovani in cerca di lavoro

Bonus assunzioni 2020 – Incentivo “IO Lavoro” per chi assume giovani o disoccupati

Bonus assunzioni 2020: Che cos’è l’incentivo “IO Lavoro”

Bonus assunzioni 2020. Buone notizie per chi è alla ricerca di un impiego e per le imprese in cerca di personale. Il 10 febbraio del 2020 l’ANPAL ha pubblicato sul proprio portale telematico il Decreto Direttoriale n. 44 attraverso il quale istituisce il nuovo incentivo occupazionale denominato: “IncentivO Lavoro” (in breve IO Lavoro).

Con uno stanziamento di € 329.400.000, l’incentivo potrà essere richiesto dalle aziende che assumono nuovo personale dal 1° gennaio fino al 31 dicembre 2020, su tutto il territorio nazionale. Il bonus è destinato alle assunzioni di persone disoccupate con contratto a tempo indeterminatoanche a scopo di somministrazione, e con contratti di apprendistato professionalizzante.

Bonus assunzioni 2020: a chi è rivolto Io Lavoro

L’incentivo IO Lavoro è destinato ai datori di lavoro privati che assumono, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, persone disoccupate in possesso delle seguenti caratteristiche:
  • età compresa tra i 16 anni e 24 anni;
  • 25 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, ai sensi del decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 17 ottobre 2017.
  • non aver avuto un rapporto di lavoro negli ultimi sei mesi con il medesimo datore di lavoro;
  • sede di lavoro ubicata nelle Regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), nelle Regioni “più sviluppate” (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento, Toscana, Umbria, Marche e Lazio) o nelle Regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna), indipendentemente dalla residenza del lavoratore.

Importo dell’incentivo

L’agevolazione contributiva è utilizzabile dai datori di lavoro per una durata massima di 12 mesi ed entro il tesso massimo di 8.060€. In caso di lavoro a tempo parziale il massimale è proporzionalmente ridotto. L’incentivo non è valido soltanto nel Mezzogiorno, ma anche nelle Regioni in transizione e più sviluppate. Il bonus IO Lavoro sarà inoltre cumulabile con altre misure già previste a sostegno dell’occupazione, come ad esempio quelle legate all’assunzione di percettori del Reddito di Cittadinanza.

Tipologie contrattuali incentivate

L’incentivo è riconosciuto esclusivamente per le seguenti tipologie contrattuali:
  • contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;
  • contratto di apprendistato professionalizzante.
L’incentivo è riconosciuto anche in caso di lavoro a tempo parziale o di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato.
Sono esclusi i contratti di lavoro domestico, occasionale o intermittente.

Come accedere al nuovo incentivo

Per l’accesso alla nuova misura, i datori di lavoro interessati devono inoltrare un’istanza preliminare di ammissione all’INPS, mediante apposito modulo telematico che sarà definito dall’Istituto stesso. L’erogazione del beneficio avviene mediante conguaglio delle denunce contributive. L’Istituto determina l’importo dell’incentivo spettante in relazione alla durata e alla retribuzione del contratto sottoscritto e verifica i requisiti di ammissione all’incentivo. In secondo luogo l’INPS comunica, sempre mediante modulo telematico, l’avvenuta prenotazione dell’importo dell’incentivo in favore del datore di lavoro.

Fonte: Dottrina Lavoro

  Scarica il decreto Anpal – Io Lavoro

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1342 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ministero del Lavoro: decontribuzione contratti di solidarietà

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 18 aprile 2018, comunica che, ai sensi di quanto stabilito nel Decreto interministeriale n. 2/2017, art. 4, comma 4 e nella Circolare

Legge di Bilancio 2019: i contratti a termine esentati dall’applicazione del decreto dignità e smart working

Il comma 403 della Legge 145/2018 (c.d. Legge di Bilancio 2019) ha modificato l’articolo 1, comma 3, del decreto legge n. 87/2018 (c.d. decreto Dignità). La modifica ha riguardato i contratti a termine esentati

( sentenza n. 9693 del 27 febbraio 2014 ) Responsabilità del datore di lavoro per la mancata formazione ed informazione sui luoghi di lavoro

Con sentenza n. 9693 del 27 febbraio 2014, la Corte di Cassazione ha ribadito il fatto che è sempre penalmente responsabile il datore di lavoro per il mancato adempimento obbligatorio

2 Commenti

  1. StefanoM
    Febbraio 27, 10:57 Reply

    Buongiorno,
    ai fini della spettanza dell’incentivo, in caso di trasformazione a tempo indeterminato l’articolo 4 comma 3 del decreto ANPAL 52/2020 dispone che “non è richiesto il requisito di disoccupazione di cui all’art. 2 comma 2 del presente decreto”.
    Se la trasformazione a tempo indeterminato riguarda un lavoratore con più di 25 anni di età, a Vs. avviso oltre al requisito di disoccupazione non è richiesto nemmeno quello di essere “privo di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi” (essendo lo stesso comunque previsto sempre dal medesimo art. 2 comma 2)?
    Molte grazie.

Lascia un commento