fbpx

Dati Istat sul lavoro – Da Novembre a Dicembre 79 mila occupati in meno

Il Presidente di Assolavoro sostiene che la somministrazione può essere una soluzione per favorire il lavoro che garantisce tutele

Dati Istat sul lavoro – Da Novembre a Dicembre 79 mila occupati in meno

Dati Istat sul lavoro: cresce il numero degli inattivi

I dati Istat sul lavoro relativi al mese di dicembre 2019 non offrono notizie confortanti. Gli assunti a tempo indeterminato infatti sono inferiori di -75.000 unità rispetto al mese di novembre. La fascia d’età maggiormente colpita vai dai 25 ai 49 anni e registra un calo di 79 mila occupati. Tornano a salire gli inattivi (+42.000 nuove posizioni in un mese) mentre si registra un calo vertiginoso dei lavori autonomi (-71mila occupati in meno).

Mentre scende il tasso di occupazione, quello di disoccupazione rimane stabile al 9,8%. Tuttavia sale il numero degli inattivi. Si registra infatti un incremento di oltre 28.000 persone di sesso maschile che sono rimaste senza lavoro. La fascia di età che intercorre tra i 25 e i 49 anni registra +27.00 disoccupati in più rispetto al mese di Novembre. I dati Eurostat non sono altrettanto confortanti considerando che l’Italia resta in fondo alla classifica in compagnia di Spagna (13,7% di tasso di disoccupazione) e Grecia (16,6%).

Under 25: ancora troppi giovani alla ricerca di un primo impiego

Anche i giovanissimi sono in difficoltà considerando che il 28,9% degli sono ancora alla ricerca di un primo impiego. Il dato in Germania invece è stabile al 5,8%, grazie al sistema di formazione duale (alternanza scuola lavoro) adottato solo in minima parte dalle imprese italiane. I dipendenti con un contratto a tempo determinato invece sono saliti di 17.000 unità.

L’aumento del precariato con il Decreto Dignità

Con l’entrata in vigore del Decreto Dignità, aumentano i lavori precari e calano i rapporti di lavoro più tutelanti come la somministrazione a tempo determinato. Il dato annuale sul lavoro sembrerebbe positivo considerando che è in crescita di 136.000 unità. Tuttavia si tratta di un dato in diminuzione, in parte legato alle stabilizzazioni del 2019 ma che ora sembra arrestarsi. Il numero dei disoccupati è in discesa (-143.000 persone), così come pure gli inattivi (-115.000 unità).

Anche la fascia d’età che va dai 35 ai 49 anni non offre notizie rassicuranti sul tema dell’occupazione. In 12 mesi si contano 215.000 posti di lavoro in meno per via delle tante crisi aziendali che condannano la crescita economica del paese.

La somministrazione a tempo determinato: il lavoro che garantisce tutele

A questo proposito Alessandro Ramazza, presidente di Assolavoro, dichiara che il calo di occupati stabili e dell’occupazione in generale conferma l’urgenza di un modifica sotanziale al decreto dignità. Ecco le sue parole:

“Il Decreto Dignità ha determinato inizialmente uno spartiacque, accelerando le stabilizzazioni per chi aveva professionalità più spendibili e determinando contemporaneamente lo scivolamento dei più deboli dal lavoro dipendente diretto o tramite agenzia verso forme di lavoro più tutelanti.”

“Occorre intervenire e in fretta, continua Ramazza, favorendo e valorizzando il lavoro che garantisce tutele, diritti e retribuzioni tipiche del lavoro dipendente come è la somministrazione tramite le agenzie per il lavoro”.

15-24 anni %
Occupati 1087 +6
Disoccupati 441 +3
Inattivi 4.347 -9
25-34 anni
Occupati 4098 -28
Disoccupati 705 +11
Inattivi 1699 +13
35-49 anni
Occupati 9.394 -51
Disoccupati 705 +11
Inattivi 2.430 +9
+50 anni e più
Occupati 8.797 -2
Disoccupati 510 -28
Inattivi 17.567 +62
50-64 anni
Inattivi 4.641 +29

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1368 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Generazione Vincente sostiene Maltawhynot, un lavoro all’estero per giovani con disabilità

  “L’acqua tiepida come madre accoglie – Trasparenze impensabili confondono lo sguardo – Galleggiano nell’aria le barche incredule a creare un’ombra surreale al fondo…” Con queste parole inizia una poesia

Il fascino dell’apprendistato su giovani e aziende, più 22% dal 2017

Il contratto di apprendistato torna in auge, con una crescita degli avviamenti del 22,8% nel 2017. Dopo un calo nel quinquennio precedente, tra il 2016 e 2017, i contratti di apprendistato tornano a crescere

Decreto Sostegni bis approvato, Draghi: “40 miliardi per imprese e lavoratori”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo Decreto Sostegni bis, anche se al premier Mario Draghi piace definirlo come un decreto legge “per le imprese, i lavoratori, i giovani,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento