Osservatorio sul precariato 2020 – I dati relativi a Novembre 2019

Nonostante un netto incremento delle trasformazioni a tempo indeterminato il trend occupazionale risulta in decelerazione

Osservatorio sul precariato 2020 – I dati relativi a Novembre 2019

Osservatorio sul precariato 2020

Il 23 Gennaio 2020 l’INPS ha pubblicato i dati di novembre 2019 relativi all’osservatorio sul precariato 2020. I rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono quindi aumentati di 438.883 contratti, mentre calano ancora quelli a termine. Il numero dei contratti stabili firmati da gennaio a novembre 2019 è in aumento dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2018. C’è stato quindi un netto incremento delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato. Le assunzioni totali nel settore privato nei primi 11 mesi sono state 6.666.609.

In crescita i rapporti di apprendistato

Confrontando il dato rispetto ai primi undici mesi del 2018 è interessante notare che la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, di apprendistato, stagionali e intermittenti. Sono in crescita anche le conferme dei rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (passate da 60.000 a 76.000: +25,5%). Allo stesso tempo però, c’è stata una riduzione della cessazioni che ha riguardato gli stessi contratti in somministrazione e rapporti a termine.

Numero di cessazioni quasi pari alle assunzioni

La crescita delle assunzioni è parallela ad un numero quasi pari di cessazioni. Si registrano infatti 6.153.675 cessazioni con un saldo positivo di 512.934 contratti. Nel periodo da gennaio a novembre 2018 il saldo positivo dei contratti era migliore: oltre 711 mila contratti registrati.

Nel periodo gennaio-novembre 2019, si contano 99.482 rapporti di lavoro (53.927 assunzioni e 45.555 trasformazioni a tempo indeterminato) che hanno usufruito dei benefici previsti dall’esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani fino a 35 anni (legge n. 205/2017). Il  valore è in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-7,9%).

Differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi

Il saldo annualizzato a novembre 2019 (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) è in positivo ed è pari a +176.000. È un dato inferiore a quello registrato in tutti i 12 mesi precedenti nonché a quello registrato alla fine di novembre 2018 (+368.000). Il trend occupazionale, pur essendo positivo, risulta in decelerazione. Il saldo annualizzato infatti conferma la netta differenziazione fra andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato da un lato e andamento dei rapporti a tempo determinato dall’altro. Negli ultimi dodici mesi i rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono passati da +109 mila (novembre 2018) a +383 mila (novembre 2019) mentre quelli a termine sono incrementati di +108.000 a novembre 2018 e diminuiti di -257.000 rispetto a novembre 2019.

Scarica il rapporto Inps completo

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1278 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

(Ri)trasformazione da part-time a tempo pieno legittima anche senza la volontà del lavoratore ( Corte Europea di Giustizia )

La Corte di Giustizia Europea, con sentenza C-221/2013, ha dichiarato legittimo l’articolo 16 della legge n. 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro) nella parte in cui prevede la possibilità, per le Pubbliche Amministrazioni, di trasformare

Ministero del Lavoro: Apprendistato, Decreto direttoriale di ripartizione tra Regioni e Province Autonome delle risorse relative alla annualità 2016

È stato registrato dalla Corte dei Conti – lo scorso 30 ottobre 2017, con identificativo numero di registrazione 1-2185 – il Decreto direttoriale n. 258 del 26 settembre 2017 concernente il finanziamento dei

INPS: l’Osservatorio sul precariato con i dati di luglio 2018

L’INPS ha pubblicato, in data 20 settembre 2018, i dati di luglio 2018 dell’Osservatorio sul precariato. Le assunzioni nel settore privato, nel periodo gennaio-luglio 2018, sono state 4.597.299, in aumento del 6,5% rispetto allo stesso

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento