Osservatorio sul precariato 2020 – I dati relativi a Novembre 2019

Nonostante un netto incremento delle trasformazioni a tempo indeterminato il trend occupazionale risulta in decelerazione

Osservatorio sul precariato 2020 – I dati relativi a Novembre 2019

Osservatorio sul precariato 2020

Il 23 Gennaio 2020 l’INPS ha pubblicato i dati di novembre 2019 relativi all’osservatorio sul precariato 2020. I rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono quindi aumentati di 438.883 contratti, mentre calano ancora quelli a termine. Il numero dei contratti stabili firmati da gennaio a novembre 2019 è in aumento dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2018. C’è stato quindi un netto incremento delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato. Le assunzioni totali nel settore privato nei primi 11 mesi sono state 6.666.609.

In crescita i rapporti di apprendistato

Confrontando il dato rispetto ai primi undici mesi del 2018 è interessante notare che la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, di apprendistato, stagionali e intermittenti. Sono in crescita anche le conferme dei rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (passate da 60.000 a 76.000: +25,5%). Allo stesso tempo però, c’è stata una riduzione della cessazioni che ha riguardato gli stessi contratti in somministrazione e rapporti a termine.

Numero di cessazioni quasi pari alle assunzioni

La crescita delle assunzioni è parallela ad un numero quasi pari di cessazioni. Si registrano infatti 6.153.675 cessazioni con un saldo positivo di 512.934 contratti. Nel periodo da gennaio a novembre 2018 il saldo positivo dei contratti era migliore: oltre 711 mila contratti registrati.

Nel periodo gennaio-novembre 2019, si contano 99.482 rapporti di lavoro (53.927 assunzioni e 45.555 trasformazioni a tempo indeterminato) che hanno usufruito dei benefici previsti dall’esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani fino a 35 anni (legge n. 205/2017). Il  valore è in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-7,9%).

Differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi

Il saldo annualizzato a novembre 2019 (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) è in positivo ed è pari a +176.000. È un dato inferiore a quello registrato in tutti i 12 mesi precedenti nonché a quello registrato alla fine di novembre 2018 (+368.000). Il trend occupazionale, pur essendo positivo, risulta in decelerazione. Il saldo annualizzato infatti conferma la netta differenziazione fra andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato da un lato e andamento dei rapporti a tempo determinato dall’altro. Negli ultimi dodici mesi i rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono passati da +109 mila (novembre 2018) a +383 mila (novembre 2019) mentre quelli a termine sono incrementati di +108.000 a novembre 2018 e diminuiti di -257.000 rispetto a novembre 2019.

Scarica il rapporto Inps completo

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1301 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: Osservatorio sul precariato con i dati di settembre 2019

L’INPS ha pubblicato, in data 21 novembre 2019, i dati di settembre 2019 dell’Osservatorio sul precariato. Nei primi nove mesi del 2019, nel settore privato complessivamente le assunzioni sono state 5.527.316. Rispetto allo stesso

Spazi molto ridotti per l’irrilevanza penale del Falso in Bilancio

È imminente la pubblicazione del decreto legislativo recante “disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto” che dà attuazione alla legge delega 28 aprile 2014, n. 67

INPS: cir.47/2016 – l’Assegno di Disoccupazione (ASDI)

  L’Inps ha pubblicato la circolare n. 47 del 3 marzo 2016, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito all’Assegno di Disoccupazione (ASDI). L’ASDI ha la funzione di fornire

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento