Riscatto di laurea agevolato – Le novità introdotte dalla circolare n. 6/2020

I lavoratori che hanno almeno 18 anni di anzianità contributiva al 31 dicembre 1996, possono riscattare gli anni studio universitario e andare in pensione anticipatamente

Riscatto di laurea agevolato – Le novità introdotte dalla circolare n. 6/2020

Riscatto di laurea agevolato

Riscatto di laurea agevolato. Con la pubblicazione della circolare n. 6/2020, l’Inps fornisce istruzioni operative sul riscatto di laurea agevolato, a seguito delle modifiche introdotte dal decreto legge n.4/2019 convertito con modificazioni dalla legge n. 26 del 28 marzo 2019. Con il riscatto della laurea infatti, i lavoratori che hanno almeno 18 anni di anzianità contributiva al 31 dicembre 1996, possono riscattare gli anni studio universitario e andare in pensione anticipatamente.

Addio al limite dell’età anagrafica

Dal provvedimento infatti emerge che il riscatto è un’operazione sempre valida e da prendere in considerazione per il conseguimento del diritto pensionistico. Chi sceglie infatti di ricorrere al riscatto agevolato della laurea ha la certezza di poter andare prima in pensione di un numero di anni pari a quelli degli studi. In più con l’introduzione della legge 26/2019, il riscatto di laurea agevolato ha perso il requisito più restrittivo del limite anagrafica e sarà accessibile ad una platea ancora più ampia. L’originaria versione del decreto infatti prescriveva che l’assicurato, al momento della domanda, avesse una età anagrafica di massimo 44 anni e 364 giorni.

Requisiti di accesso

Restano le condizioni di legittimità proprie di tutti i riscatti:

  • il soggetto deve essere iscritto con almeno un contributo versato a una delle gestioni Inps. Il riscatto agevolato non è infatti accessibile a chi è stato iscritto unicamente a una cassa professionale;
  • la gestione in cui viene richiesto il riscatto dovrà risultare già esistente nel periodo del corso legale di studi, motivo per il quale i riscatti non possono essere richiesti in gestione separata per periodi anteriori all’aprile del 1996;
  • il riscatto non potrà coprire periodi già sottoposti a contribuzione, come nel caso di uno studente lavoratore che abbia avuto rapporti di lavoro durante l’intero ciclo di studi universitari;
  • per chi avesse invece svolto incarichi non continuativi, potrà essere riscattato il solo periodo scoperto da contribuzione del corso legale di studi;
  • il riscatto forfettario risiede nel periodo di studi (ogni anno di riscatto prevede infatti nel 2020 un onere fermo a 5.260 euro integralmente deducibili dall’imposta) e dovrà infatti collocarsi in periodi da valutare con il sistema contributivo.

Riscatto per gli anni di laurea prima del 1996

La grande novità introdotta dall’Inps con la circolare n. 6/2020 del 22 gennaio è la conferma che possono accedere al riscatto laurea agevolato i lavoratori che intendono valorizzare anni di studio collocati prima dell’introduzione del sistema contributivo di calcolo, ovvero prima del 1996.
Il riscatto laurea agevolato consente quindi di avere contributi ante 1996 e non ha alcun limite agli anni di riscatto richiedibili. Un professionista che si è immatricolato nel 1997 infatti potrà riscattare in modo agevolato tutti e 6 i suoi anni di studio ad un prezzo agevolato.
Quello che conta è infatti non tanto il periodo cronologico in cui sono collocati gli anni di studio, bensì il metodo di calcolo prescelto. Un soggetto con meno di 18 anni di contributi al 1995, potrebbe esercitare l’opzione per il metodo contributivo (articolo 1, comma 23, legge 335/1995) e applicare alla sua intera carriera il metodo introdotto dalla Riforma Dini. Ecco i requisiti per i lavoratori che chiedono il riscatto della laurea prima del ’96:
  • meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996;
  • almeno 15 anni di contributi versati alla richiesta del riscatto;
  • almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1996 (calcolo contributivo).

Metodo contributivo per gli anni di laurea precedenti al 1996

Ai fini del riscatto della laurea da valutare con metodo contributivo, l’Inps prevede la possibilità di versamento di un costo forfettario, pari al livello minimo imponibile annuo moltiplicato per l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche dell’assicurazione generale obbligatoria per i lavoratori dipendenti. Il vantaggio, per gli anni di laurea precedenti al 1996, è da calibrare in maniera ponderata considerando anche lo svantaggio della rinuncia al calcolo della pensione con metodo retributivo.

Riscatto laurea e Opzione donna

Un chiarimento specifico viene fornito dall’Inps in merito alle lavoratrici che intendono accedere alla pensione anticipata con Opzione Donna. Per l’accesso alla pensione anticipata sarà possibile chiedere che l’onere di riscatto dei periodi di studio universitario sia determinato secondo il criterio del calcolo a percentuale. È necessario che la domanda di riscatto sia presentata all’atto del pensionamento, ossia contestualmente alla domanda di pensione recante la scelta della lavoratrice di accesso all’Opzione donna.

 

 

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1281 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Congedo Paternità 2020 – Indicazioni dell’INPS per i congedi obbligatori e facoltativi

Congedo Paternità 2020 – Le indicazioni dell’INPS Congedo Paternità 2020. Con la circolare n. 679 del 21 febbraio 2020, l’INPS vuole fornire ulteriori informazioni circa la proroga e l’ampliamento del

Licenziamento per altra attività svolta durante la malattia [Cassazione]

Con sentenza n. 6047 del 13 marzo 2018, la Corte di Cassazione, rinviando alla Corte di Appello di Genova, in diversa composizione, una causa concernente il licenziamento di un lavoratore che in stato

Verbale ispettivo e valutazione del giudice nella interposizione di manodopera [Cassazione]

Con sentenza n. 20820 del 20 agosto 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che i contenuti del verbale ispettivo costituiscono materiale istruttorio liberamente utilizzabile dal magistrato in sede giudiziale finalizzato a determinare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento