Licenziamento disabile e mancanza del repechage [cassazione]

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 4757 del 10 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento comminato ad un lavoratore che dopo essere divenuto disabile, non sia stato adibito a mansioni equivalenti alla sua qualifica e compatibili con la sua disabilità.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come il datore di lavoro, prima di procedere al licenziamento, avrebbe dovuto, dopo aver verificato l’inidoneità fisica a quelle determinate mansioni, controllare la possibile ricollocazione del lavoratore.

vai alla -> Sentenza 10 marzo 2015, n. 4757

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ministero del Lavoro: sicurezza del lavoro in ambito ferroviario

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro, con interpello n. 5 del 25 giugno 2018, ha fornito, alla Associazione FerCargo, un parere in merito “al

Cassazione: Amianto – tutela dei lavoratori e dell’ambiente a carico del datore di lavoro

Con sentenza n. 31458 del 17 luglio 2014, la Cassazione ha confermato l’ammenda inflitta – dal Tribunale di merito – ad un datore di lavoro per non aver organizzato, programmato

CIG in deroga anche negli studi professionali [Min. del Lavoro]

La Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali, del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, ha emanato la nota prot. 7518 del 25 marzo 2015, con la quale ordina di dare puntuale esecuzione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento