In caso di diffida accertativa del INL è previsto un tentativo di conciliazione con il lavoratore?

In caso di diffida accertativa del INL è previsto un tentativo di conciliazione con il lavoratore?

Ho ricevuto una diffida accertativa da parte dell’ispettorato del lavoro. Nella procedura è prevista la possibilità di effettuare un tentativo di conciliazione con il lavoratore. Si tratta di una conciliazione dinanzi alla Commissione di conciliazione (articolo 410 cpc)? Posso preparare il verbale e farmelo convalidare?

L’articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 124/2004 prevede che entro trenta giorni dalla notifica della diffida accertativa, il datore di lavoro può promuovere un tentativo di conciliazione presso l’Ispettorato territoriale del lavoro.

Il Ministero del lavoro, con circolare n. 24/2004, ha identificato nella conciliazione monocratica (articolo 11, del decreto legislativo 124/2004) la procedura conciliativa, ciò in ragione di una interpretazione letterale e sistematica della  norma.

Detto ciò, il verbale conciliativo deve essere concordato non solo con il lavoratore ma anche con il funzionario monocratico dell’ispettorato del lavoro.

Per maggiori informazioni di seguito l’articolo 12 del decreto legislativo 124/2004:

Art. 12.
Diffida accertativa per crediti patrimoniali

  1. Qualora nell’ambito dell’attività di vigilanza emergano inosservanze alla disciplina contrattuale da cui scaturiscono crediti patrimoniali in favore dei prestatori di lavoro, il personale ispettivo delle Direzioni del lavoro diffida il datore di lavoro a corrispondere gli importi risultanti dagli accertamenti.
  2. Entro trenta giorni dalla notifica della diffida accertativa, il datore di lavoro può promuovere tentativo di conciliazione presso la Direzione provinciale del lavoro. In caso di accordo, risultante da verbale sottoscritto dalle parti, il provvedimento di diffida perde efficacia e, per il verbale medesimo, non trovano applicazione le disposizioni di cui all’articolo 2113, commi primo, secondo e terzo del codice civile.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 548 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono le modalità di adesione alla “ Rete del lavoro agricolo di qualità ”?

La Rete del lavoro agricolo di qualità è stata prevista dall’articolo 6 del D.L. 91/2014. Si tratta di un organismo autonomo nato per rafforzare le iniziative di contrasto dei fenomeni

Si può sottoscrivere con una cooperativa un servizio occasionale di centralino al bisogno, in caso di assenza della nostra centralinista?

  A mio avviso no, in quanto il servizio non viene completamente esternalizzato ma il lavoratore viene sostituito al bisogno. In questo caso, le alternative possono essere le seguenti: lavoratore

Un addestratore di cani per dare lezioni private come deve agire per essere in regola con il fisco e la previdenza?

In merito al quesito relativo alla gestione delle lezioni private, queste le possibili alternative: PRESTAZIONI OCCASIONALI – art. 54 bis, legge n. 96/2017 (sostitutive dei c.d. voucher) La procedura prevede

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento