Contratti di lavoro 2019 – La nota trimestrale del Ministero del lavoro

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato la nota trimestrale sulle attivazioni e cessazioni dei contratti di lavoro relative al III semestre 2019

Contratti di lavoro 2019 – La nota trimestrale del Ministero del lavoro

Il 9 dicembre 2019, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato la Nota trimestrale relativa al III trimestre 2019, tratta dal Sistema Informativo Statistico delle Comunicazioni Obbligatorie del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il documento mette in evidenza attivazioni e cessazioni dei contratti di lavoro relativi all’ultimo trimestre del 2019.

Attivazioni di nuovi contratti di lavoro

Nel periodo preso in esame, sono state registrate 2 milioni e 987 mila attivazioni, a cui si aggiungono circa 207 mila trasformazioni a tempo indeterminato, per un totale di 3 milioni e 194 mila attivazioni. Rispetto al terzo trimestre 2018, il volume dei contratti attivati è aumentato del 4,3%. Interessante notare anche l’aumento delle trasformazioni a tempo indeterminato a favore delle donne, con una variazione del 6.0% a fronte del 2,8% registrato per quello maschile.

Lavoratori interessati da nuove attivazioni

Nel dettaglio, la crescita è da attribuire quasi esclusivamente ai rapporti di lavoro attivati nel comparto Servizi (+6,7%). Buono anche l’andamento nel settore delle Costruzioni, che fa registrare un aumento dell’1,2%. I lavoratori interessati da nuove attivazioni sono stati circa 2 milioni e 292 mila. C’è stato quindi un incremento di 62 mila unità rispetto al corrispondente trimestre del 2018. Il complessivo flusso in entrata a tempo indeterminato, costituito dalle attivazioni e dalle trasformazioni, risulta pari a oltre 644 mila, con una variazione in termini assoluti pari a 65 mila contratti (+11,3%).

Alla crescita tendenziale dei contratti a Tempo Indeterminato osservata nel terzo trimestre del 2019 si accompagna un incremento delle attivazioni dei contratti di Apprendistato (+5 mila, pari al +6,3%) e della dai contratti di natura intermittente (+110%). Le attivazioni dei contratti a Tempo Determinato (+34 mila) aumentano a un tasso inferiore, pari a +1,7%, mentre i contratti di Collaborazione calano dello 0,9%.

La crescita tendenziale dei lavoratori attivati risulta in misura percentuale superiore per i lavoratori ultra 54enni, in particolare per la componente femminile.

Cessazioni dei contratti di lavoro

Le cessazioni di contratti di lavoro registrate nel terzo trimestre 2019 sono 2 milioni e 964 mila, in aumento dell’1,5% (+43 mila unità) rispetto al terzo trimestre 2018, in misura superiore per la componente femminile (+1,7%) rispetto a quella maschile (+1,3%) L’incremento delle cessazioni è riconducibile esclusivamente al settore dei Servizi, che presenta una variazione tendenziale di +3,4% (pari a +73 mila rapporti cessati) mentre è di segno negativo nel settore dell’Industria (-3,0% pari a -12 mila cessazioni) e dell’Agricoltura dove segna una diminuzione pari a 4,5%.

Lavoratori coinvolti da cessazioni

Sono pari a 2 milioni e 309 mila i lavoratori coinvolti da cessazioni, in aumento dello 0,9% rispetto al terzo trimestre del 2018 (pari a +21,5 mila unità). Le cessazioni crescono nei contratti a tempo indeterminato (+6,5%) e nell’Apprendistato (+10,3%), mentre decrescono nel Tempo Determinato (-0,9%) e nei contratti di Collaborazione (-3,2%).
A fronte dell’aumento delle cessazioni alla scadenza contrattuale (+0,8%) e delle Dimissioni (+7,9%), diminuiscono le cessazioni per Licenziamento (-0,7%) e Cessazioni di Attività
(-9,4%). Il terzo trimestre 2019 ha fatto registrare anche l’aumento delle attivazioni dei contratti di apprendistato (+6,3%), mentre diminuiscono, anche se leggermente, le attivazioni dei contratti di collaborazione (-0,9%).

Al numero di cessazioni osservate nel trimestre si associano circa 2 milioni e 309 mila lavoratori, in crescita di 21,5 mila unità (pari a +0,9%).

La crescita tendenziale delle cessazioni e dei lavoratori cessati (rispettivamente +1,5% e +0,9%) risulta inferiore rispetto a quella osservata per le attivazioni e per i lavoratori attivati (rispettivamente +3,4% e +2,8%).

  Leggi il testo completo della Nota

Fonte: Dottrina lavoro

Sull' autore

Roberto Caiazzo
Roberto Caiazzo 55 posts

Mi occupo di social media marketing e scrittura per il web. Amo scrivere e comunicare a 360 gradi. "Il modo in cui comunichiamo con gli altri e con noi stessi determina la qualità della nostra vita".

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Bonus asilo nido: come richiederlo

L’INPS comunica che dalle ore 10 del 17 luglio sarà possibile presentare la domanda per ottenere le “Agevolazioni per la frequenza di asilo nido pubblici e privati”, il cd. Bonus

Ministero del Lavoro: dati ISTAT relativi a occupati e disoccupati di ottobre 2017

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha rilasciato il seguente commento sui dati ISTAT relativi a occupati e disoccupati di ottobre 2017: “Anche per il mese di ottobre, i

Riduzione del periodo di malattia riportato nel certificato medico – obbligo delle parti [INPS cir. 79/17]

L’Inps, con la circolare n. 79 del 28 aprile 2017, fornisce una serie di informazioni relativamente agli obblighi, per il lavoratore ed il datore di lavoro, in caso di riduzione del periodo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento