Terminato il periodo di formazione in un apprendistato l’azienda ha diritto alle agevolazioni L.56 per l’anno successivo?

Terminato il periodo di formazione in un apprendistato l’azienda ha diritto alle agevolazioni L.56 per l’anno successivo?

Al termine del periodo di formazione in un apprendistato di alta formazione, la ditta può stipulare con il dipendente un contratto di apprendistato professionalizzante (il dipendente ha attualmente 19 anni)? In caso negativo, l’azienda ha comunque diritto alle agevolazioni L.56 per l’anno successivo alla scadenza del periodo di formazione?  

Per quanto riguarda il primo quesito, ritengo di no, in quanto tale possibilità è esplicitata solo per coloro i quali hanno avuto un precedente apprendistato di 1° livello (art. 43, comma 9, D.L.vo 81/2015)

Per quanto riguarda il secondo quesito, la risposta è positiva, in quanto il presupposto per l’agevolazione è previsto dall’articolo 47, comma 7, D.L.vo 81/2015, per tutti gli apprendistati ad eccezione di quello in capo ai fruitori di indennità di disoccupazione.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 546 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Posso licenziare una dipendente, sorpresa a rubare dalla cassa del mio negozio, durante il primo anno di matrimonio?

L’articolo 35 del D.L.vo 198/2006 stabilisce che il licenziamento comminato alla dipendente nel periodo intercorrente dal giorno della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio, ad un anno dopo la  celebrazione stessa,

Nel lavoro accessorio , dopo il decreto legislativo 81/2015, il limite per pagare un lavoratore è di 7.000 euro?

No, il limite di un imprenditore o professionista è sempre di 2.000 euro per ogni lavoratore. Il limite di cui parla Lei è quello riferito al lavoratore stesso per un

Un’azienda bulgara, con cui abbiamo un appalto, ha mandato un documento tradotto in italiano per dimostrare l’equivalenza delle retribuzioni tra i lavoratori dei due Paesi. È valido?

Abbiamo un appalto con una azienda bulgara. Questa azienda, per dimostrare che i lavoratori che verranno in Italia a lavorare verranno retribuiti come i nostri lavoratori, hanno inviato un documento

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento