Assolavoro: il presidente Ramazza fa il punto sull’occupazione e sulle Agenzie per il Lavoro

Intervista al presidente di Assolavoro, Alessandro Ramazza, al Quotidiano Nazionale in cui parla di occupazione, somministrazione e sulle criticità del Decreto Dignità e RDC

Assolavoro: il presidente Ramazza fa il punto sull’occupazione e sulle Agenzie per il Lavoro

Il presidente di Assolavoro fa luce sulle reali dinamiche del mercato del lavoro, una riflessione sulla strumentalizzazione dei dati sull’occupazione, la disoccupazione, il Decreto Dignità e il Reddito di Cittadinanza. Una prospettiva neutra sul mercato del lavoro e, semmai, interessata a più occupazione è quella delle Agenzie per il lavoro, che hanno rapporti quotidiani con decine di migliaia di imprese e centinaia di migliaia di lavoratori. Assolavoro è l’associazione di categoria e rappresenta l’85% del settore.

Presidente, quali sono le principali evidenze del mercato del lavoro?

“Lo scenario non si presta ai toni ottimisti di alcuni commentatori. Per più ragioni. Le persone che hanno un contratto stabile nell’ultimo anno sono un po’ aumentate (al di là dai dati più recenti di agosto), ma a fronte di questo elemento è di molto cresciuto il cosiddetto part-time involontario, spesso ben sotto il 50% del tempo pieno; al 30% o anche meno”.

La vostra lettura collega questo al Decreto Dignità?

“È evidente che le limitazioni sopravvenute per i contratti a tempo determinato, alle dirette dipendenze dell’azienda o anche in somministrazione, hanno determinato una reazione da parte delle imprese. Da una parte sono stati assunti a tempo indeterminato più rapidamente coloro che avevano una professionalità più spendibile, dall’altra moltissimi sono passati da una occupazione, seppur a termine, con i diritti, le tutele e la retribuzione del lavoro dipendente, come è la somministrazione, verso forme di lavoro meno tutelanti o verso la disoccupazione”.

Ma l’Istat certifica che la disoccupazione è la più bassa dal 2011.

“È vero, ma detta così rischia di rimanere una informazione monca e fuorviante. II calo della disoccupazione è un buon segnale se contemporaneamente aumenta l’occupazione. Qui parliamo invece di una diminuzione di disoccupati per 87mila unità e di un contestuale aumento di inattivi – ovvero di persone non registrate come disoccupate perché hanno smesso finanche di cercarla una occupazione – per 75mila. Un segnale preoccupante e l’ulteriore evidenza di come il cosiddetto Reddito di cittadinanza, mescolando misure contro la povertà e pretese di politica attiva abbia mostrato finora tutti i suoi limiti e di quanto necessiti di correttivi il Decreto Dignità”.

Lo dice anche perché ci hanno rimesso le Agenzie?

“Ci abbiamo rimesso tutti: i lavoratori, le agenzie, la competitività di imprese e il sistema Paese. Al netto di alcune assunzioni stabili più veloci, emerge che la percentuale di persone che hanno contratti non stabili rimane intorno al 18%. Se diminuisce il numero di persone che hanno i diritti, le tutele e la retribuzione da lavoro dipendente previsti per il lavoro in somministrazione, è giocoforza che aumentino altre forme, tutte meno tutelanti”.

È calato di molto il lavoro in somministrazione?

“Soprattutto è cambiato e il settore ha dimostrato grande flessibilità. D’altra parte, è solo così che si può spiegare il valore aggiunto in termini di competitività per le imprese che hanno le Agenzie e che è confermato anche da dati più recenti relativi al rapporto tra proiezione su mercati internazionali e affidamento sui nostri servizi. In ogni caso il calo c’è stato, le ore lavorate si sono ridotte del 4,5%, quello del numero di addetti del 5,4%, per una media mensile che ora si aggira intorno alle 432mi1a persone occupate. Sono di molto aumentati i lavoratori in somministrazione a tempo indeterminato, che oggi sono circa 78mila. Ci sono poi altri dati significativi”.

Qualche esempio?

“Siamo la porta di ingresso dei giovani al mercato del lavoro. In un anno sono 100mila quelli che accedono al mondo dell’occupazione attraverso le Agenzie, e hanno più chance di avere dopo 12 mesi una stabilizzazione. Anche più opportunità di chi ha come prima occasione un contratto a termine con una azienda, lo dice il ministero del Lavoro. Formiamo 270mi1a persone in un anno e almeno un terzo devono poi accedere a un lavoro. Non basta. Attraverso le attività di ricerca e selezione del personale in un anno oltre 50mila persone vengono da noi individuate per essere assunte dalle aziende, solitamente per posizioni medio alte e con contratti stabili”.

Che interventi auspica da parte del governo?

“Occorre intervenire per rivedere le causali per i contratti a tempo determinato, abolendole o rimandando alla contrattazione collettiva e va eliminato lo 0,5% di aggravio nel caso di rinnovo a termine, che penalizza e discrimina i lavoratori. Ci vorrebbero poi una lotta senza quartiere al lavoro nero, irregolare e sottotutelato e interventi sugli appalti che superino il dramma di lavoratori pagati meno di quanto prevedono i contratti collettivi e con meno tutele”.

I dati di Assolavoro

Tutti i numeri di Assolavoro: “In un anno sono state formate 270mi1a persone. Le Agenzie sono la porta di ingresso dei giovani al mercato del lavoro – spiega il presidente Ramazza -. In un anno sono circa 100mila quelli che accedono al mondo dell’occupazione attraverso le Agenzie. Ne formiamo 270mi1a e almeno un terzo devono poi accedere a un lavoro”.

Fonte: Quotidiano Nazionale

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Forum “virtuale” sul Jobs Act: parlano Poletti, Sacconi, Damiano, Treu, Cazzola e Massagli.

[1] Il Jobs Act è un percorso di riforma ormai quasi completato, almeno per quel che riguarda gli aspetti legislativi. Possiamo tirare le prime somme e fare un primo bilancio

Massagli: «Bene l’assegno di ricollocazione, ma attenzione ai freni delle regioni»

«L’assegno di ricollocazione? Va nella direzione giusta. Il ruolo delle agenzie per il lavoro nelle nuove politiche attive? Fondamentale per il loro successo. Gli effetti del referendum in materia di lavoro?

Forum TuttoLavoro 2019 – Generazione Vincente Main sponsor dell’evento

Forum TuttoLavoro 2019. Generazione Vincente S.p.A è lieta di annunciare una nuova partecipazione come Main sponsor ufficiale alla 7° edizione del Forum TuttoLavoro, il convegno organizzato da Wolters Kluwer con

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento