Garanzia Giovani – metodologia di profilazione degli iscritti al portale [ Min. Lavoro]

image_pdfimage_print

ggIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato – sul proprio sito internet –  il Decreto Direttoriale 10/SegrDG/2015, che adotta la metodologia di definizione del sistema per la profilazione degli iscritti al portale www.garanziagiovani.gov.it.
Tale sistema è diretto ad attribuire a ciascun utente preso in carico dal Piano Garanzia Giovani un coefficiente di svantaggio, indice della probabilità di non essere occupato e di trovarsi nella condizione di Neet, al fine di assicurare la costruzione di un percorso individuale coerente con le caratteristiche personali, formative e professionali dell’utente.

Il coefficiente di svantaggio è calcolato sulla base di alcune caratteristiche dell’individuo (età, genere, percorso formativo, esperienza lavorativa, ecc.) e del territorio di residenza (profilo del sistema produttivo locale, tasso di disoccupazione regionale o provinciale, ecc.), secondo una metodologia di calcolo sperimentata nel periodo compreso tra il 1 maggio 2014, data di avvio del Programma Garanzia Giovani, e il 31 gennaio 2015 e aggiornata a partire dal 1 febbraio 2015.

A seguire il Decreto Direttoriale 10/SegrDG/2015

tuttoschermo

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 313 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Universiade Napoli 2019 – Generazione Vincente sponsor ufficiale dell’evento

Universiade Napoli. La città di Napoli è pronta ad accogliere atleti universitari provenienti da ogni parte del pianeta per dare inizio a una delle manifestazioni sportive più rilevanti nel panorama

Decreto Dignità – 39 mila occupati in meno con contratti di somministrazione [video]

Il Decreto Dignità è stato il primo provvedimento preso da Luigi Di Maio come ministro del lavoro e dello sviluppo economico. Attraverso tale decreto Di Maio  intende combattere il lavoro precario favorendo

Agenzie per il lavoro bersaglio delle fake news

Le fake news o come vengono chiamate in italiano, le “bufale”, riempiono la rete e i media con una costanza quasi allarmante. Sono molto spesso causa di pensieri fuorvianti e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento