Quanto è il ticket licenziamento previsto dalla legge in caso di licenziamento collettivo?

Quanto è il ticket licenziamento previsto dalla legge in caso di licenziamento collettivo?

Per l’anno 2019, per ogni 12 mesi di anzianità aziendale (fino a 36 mesi), la contribuzione da versare è pari a 1.001,58 euro (1.221,44 x 82%). Per i lavoratori con anzianità pari o superiore a 36 mesi il contributo è pari a 3.004,74 euro (1.001,58 x 3).

Nei casi di licenziamento collettivo in cui la dichiarazione di eccedenza del personale (articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223), non abbia formato oggetto di accordo sindacale, la misura del contributo è moltiplicata per 3 volte.

Di seguito un estratto dell’articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223:

Art. 4
Procedura per la dichiarazione di mobilità


  1. Raggiunto l’accordo sindacale ovvero esaurita la procedura di cui ai commi 6, 7 e 8, l’impresa ha facoltà di licenziare gli impiegati, gli operai e i quadri eccedenti, comunicando per iscritto a ciascuno di essi il recesso, nel rispetto dei termini di preavviso. Entro sette giorni dalla comunicazione dei recessi, l’elenco dei lavoratori licenziati, con l’indicazione per ciascun soggetto del nominativo, del luogo di residenza, della qualifica, del livello di inquadramento, dell’età, del carico di famiglia, nonché con puntuale indicazione delle modalità con le quali sono stati applicati i criteri di scelta di cui all’articolo 5, comma 1, deve essere comunicato per iscritto all’Ufficio regionale del lavoro e della massima occupazione competente, alla Commissione regionale per l’impiego e alle associazioni di categoria di cui al comma 2.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 530 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Vorrei ricollocare un nostro ex dipendente neo pensionato all’interno dell’azienda, con un rapporto a tempo determinato. È possibile?

In merito al quesito, non esiste una controindicazione all’assunzione a termine di un ex dipendente. Tenga, comunque, presente che il Ministero del Lavoro ha evidenziato (con l’interpello n. 19/2009) come

Una agenzia di somministrazione Rumena mi propone manodopera straniera a prezzi molto più bassi rispetto alle agenzie italiane. Ci sono problemi se stipulo un contratto di somministrazione con loro?

Valuti con attenzione quanto prospettato dall’ agenzia per lavoro Rumena, in quanto lo stesso Ministero del Lavoro, con la recente circolare n. 14/2015, che la invito a leggere, ha evidenziato

È vero che la durata massima dei contratti a termine non si applica qualora sia stato stipulato per motivi sostitutivi?

No, i contratti a termine per motivi sostitutivi devono rispettare il massimale previsto dalla legge (24 mesi) ovvero quanto diversamente previsto dalla contrattazione collettiva. Tenga presente che il massimale non

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento