Istat: disoccupazione al 9,7%, mai così bassa dal 2012

In trend negativo anche la disoccupazione giovanile che scende al 28,1. I numeri dell’occupazione fanno registrare un nuovo record nelle serie storiche

Istat: disoccupazione al 9,7%, mai così bassa dal 2012

Le rilevazioni Istat sulla disoccupazione fanno registrare la quarta flessione consecutiva, scendendo al 9,7%, in calo di 0,1 punti percentuali su rispetto al mese di maggio. L’Istat evidenzia che si si tratta dei numeri più bassi da gennaio del 2012, cioè da sette anni e mezzo.

Il numero dei disoccupati è sceso di circa 29 mila unità nell’ultimo mese, con un trend negativo che ha riguardato sia gli uomini che le donne e tutte le fasce d’età, ad eccezione dei giovani tra 25 e 34 anni.

In calo, questa volta ai minimi dall’aprile del 2011, anche il tasso di senza lavoro tra i più giovani: nella fascia 15-24 anni, la disoccupazione scende di 1,5 punti percentuali e si porta infatti al 28,1%.

Sul fronte invece degli occupati abbiamo una sostanziale stabilità, se non si conta la leggera flessione di questi ultimi (-6 mila unità), che ci restituisce la crescita degli occupati tra le donne (+15 mila) e dall’altra parte da una diminuzione tra gli uomini (-21 mila). 

L’analisi per fasce d’età ci restituisce questi valori: sono in aumento gli occupati 15-24enni (+10 mila) e i 35-49enni (+5 mila), in calo i 25-34enni (-4 mila) e gli ultracinquantenni (-18 mila). In relazione ad una forza lavoro leggermente inferiore come numero, il tasso di occupazione sale comunque al 59,2% (+0,1 punti percentuali) marcando così un nuovo record sulle serie storiche: il livello più alto da quando sono iniziate le serie statistiche, ovvero dal 1977.

Per quanto concerne gli inattivi e i NEET, quelli che non lavorano e non cercano, la percentuale cala leggermente nel mese di giugno (-0,1%, pari a -14 mila unità). Invece, il trend di genere segue un andamento diverso: aumentano tra gli uomini (+18 mila) e calano tra le donne (-33 mila). Il tasso di inattività è invariato al 34,3% per il quinto mese consecutivo.

“A giugno l’occupazione è sostanzialmente stabile dopo la crescita registrata nei primi mesi dell’anno. L’andamento occupazionale è sintesi di un aumento tra le donne e una diminuzione tra gli uomini. Si conferma per il quarto mese consecutivo la crescita dei dipendenti sia permanenti sia a termine, mentre tornano a calare gli indipendenti”, giudica l’Istat nel suo report. “Nell’ultimo mese si registra un calo dei disoccupati e una flessione più lieve degli inattivi – aggiunge l’Istituto – Nel confronto trimestrale e tendenziale sono confermati la crescita dell’occupazione e il calo della disoccupazione già osservati nei mesi precedenti”.

I valori precedenti, su base mensile, non si discostano su base annua: l’occupazione risulta in crescita (+0,5%, pari a +115 mila unità), l’espansione riguarda entrambe le componenti di genere, i 15-24enni (+46 mila) e soprattutto gli ultracinquantenni (+292 mila) mentre risultano in calo le fasce di età centrali.

Nei dodici mesi, la crescita degli occupati si accompagna a un forte calo dei disoccupati (-10,2%, pari a -288 mila unità) e a un aumento degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,2%, pari a 23 mila).

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Tutela del Lavoro Autonomo e Smart working: il disegno di legge

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 102 del 28 gennaio 2016, ha approvato un disegno di legge recante misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure

Valorizzare Napoli: il ruolo delle aziende

  L’incontro tra la cultura aziendale, che anima e permette l’evoluzione del tessuto economico di un territorio, e la cultura musicale e artistica, che a sua volta agisce sull’anima più

Lavoro occasionale: in Italia sono 600 mila, Cgia e Coldiretti contro i Voucher

Secondo i dati dell’Ufficio Studi della Cgia, malgrado tutti i dibattiti e le polemiche di questi ultimi tempi, sono poco meno di 600 mila i lavoratori nel 2017 hanno svolto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento