Richiesta di minori carichi di lavoro e demansionamento [Cassazione]

La Suprema Corte di Cassazione si è espressa sulla richiesta di un lavoratore finalizzata ad avere meno carichi di lavoro

Richiesta di minori carichi di lavoro e demansionamento [Cassazione]

Con ordinanza n. 18817 del 12 luglio 2019, la Cassazione ha affermato che, a fronte di una richiesta del lavoratore finalizzata ad avere meno carichi di lavoro ed a seguito di una redistribuzione dei compiti già svolti dall’interessato (operazione effettuata al rientro da una assenza per malattia), non si può parlare di demansionamento come decisione unilaterale del datore di lavoro, in quanto, in precedenza, sussisteva una specifica richiesta del dipendente.

Nel caso preso in esame un lavoratore era ricorso al giudice del lavoro affinchè condannasse l’azienda al risarcimento del danno per un presunto demansionamento subito conseguentemente, secondo la sua opinione, dell’ingiustificata sottrazione di alcuni compiti.

Il Tribunale ha accolto il ricorso del lavoratore, mentre la Corte d’appello ha dato ragione al datore di lavoro rilevando l’inesistenza del demansionamento giacché, prima dell’incidente che ha coinvolto il dipendente, lo stesso aveva chiesto altro personale a sua disposizione o in alternativa di essere sollevato da alcuni incarichi.

La Suprema Corte, adita dal lavoratore, ha condiviso il giudizio dei giudici d’appello ribadendo che non si è in presenza di un demansionamento se la riduzione dell’attività lavorativa era stata in precedenza richiesta dal lavoratore.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 327 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cessione di ramo d’azienda: nuova sentenza della Cassazione

Con sentenza n. 17366 del 26 agosto 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che, pur dopo le modifiche normative intervenute con il D.L.vo n. 276/2003, perché si possa parlare

Cassazione: nullità per regolamento di cooperativa

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 18422, depositata il 20 settembre 2016, ha affermato la nullità del regolamento di una cooperativa che contenga al suo interno disposizioni derogatorie

Criteri distintivi per un contratto a progetto ( Cassazione )

La  Cassazione, con sentenza n. 22289 del 21 ottobre 2014, ha ribadito come ogni attività umana, economicamente rilevante, può essere oggetto sia di rapporto di lavoro subordinato che di lavoro autonomo e che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento