Unioncamere: 2 milioni di contratti di lavoro per diplomati e laureati

Secondo i dati di Unioncamere nel 2019 si confermano le indicazioni positive sui contratti relative all’anno precedente. 2 milioni di contratti per diplomati e laureati. Elettrotecnici e agenti assicurativi i più richiesti tra i diplomati

Unioncamere: 2 milioni di contratti di lavoro per diplomati e laureati

Alla fine del ciclo scolastico che porta al diploma cosa scegliere? L’Ingresso nel mercato del lavoro o continuare fino alla laurea? Un supporto nella scelta su quale strada intraprendere viene dallo studio del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal, secondo il quale anche nella prima parte del 2019 i numeri sui contratti che le imprese intendono sottoscrivere sembrano positivi come nell’anno precedente: circa 1,6 milioni quelli destinati ai diplomati.

Le opportunità di lavoro si presentano anche per i laureati: secondo i dati in possesso di Unionioncamere ci sarebbero circa 550mila contratti di lavoro in cui è richiesto il possesso di una laurea. Un totale di 2 milioni di contratti di lavoro per giovani diplomati e laureati.

Tra gli indirizzi dei diplomi più graditi alle aziende ci sono quelli amministrativi, finanziari e marketing, seguiti dall’indirizzo meccanico e meccatronico, dal settore turistico ed enogastronomico, dall’elettronica ed elettrotecnica e dall’informatica e telecomunicazioni.

Tra le professioni più difficili da trovare per quanto riguarda le figure che necessitano del diploma, il 51,8% dei disegnatori industriali è difficile da reperire; difficoltà anche superiori si registrano per i tecnici elettronici (57,7%) agenti assicurativi e per gli elettrotecnici (71,5%).

Per quanto concerne i laureati, nel 2018, dei circa 551.000 “dottori” richiesti dal mercato del lavoro, ben 195.000 era di difficile reperimento. Le aziende sono alla ricerca principalmente di laureati nelle discipline economiche e, a seguire, ingegneria, insegnamento e formazione e sanitario e paramedico. Anche qui la difficoltà di reperimento per i profili professionali dei laureati sono spesso elevate: 48,4% per gli specialisti nei rapporti con il mercato, il 52,5% per gli ingegneri energetici e meccanici e il 64,8% per gli analisti e progettisti di software.

Tra i comparti economici e produttivi che necessitano di laureati, la maggior parte delle richieste proviene dai servizi alle imprese, seguiti dai servizi alle persone, dall’industria manifatturiera, dal commercio, dalle costruzioni, dal turismo.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Consulenti del lavoro: secondo i dati dell’Osservatorio, giovani sovra-istruiti e sottoccupati

I dati dell’Osservatorio di statistica dei consulenti del lavoro, che emergono dal report “Giovani sottoccupati e sovra-istruiti”, sottolineano alcuni aspetti dell’occupazione giovanile nel nostro Paese. Nell’ultimo decennio giovani occupati tra

FEDERTURISMO, ELETTI RAPPRESENTANTI CONSIGLIO GENERALE

L’assemblea di Federturismo Confindustria, riunitasi a Roma, ha eletto i 15 componenti elettivi del consiglio generale per il periodo 2016-2019: Eduardo Bosch, Francesco Brunetti e Gianluca Scavo di Assolombarda; Giancarlo

POLO EX MONTEFIBRE, 500 LICENZIATI

Numerosi lavoratori delle aziende dell’area dell’ex Montefibre di Acerra, nel napoletano, hanno bloccando l’asse mediano e l’ingresso alle autostrade per protestare contro i paventati licenziamenti. I lavoratori, in cassa integrazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento